Connect
To Top

Cagliari – Juventus 0-1: We are the VAR

“Alla Juventus vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta”

Parto dal motto del nostro grande ex Presidente, Giampiero Boniperti, per parlare un po’ della vittoria di stasera.
Una vittoria ostica, e anche agnostica per dirla come il Guru di Fusignano, sofferta e tipicamente da Juve, una di quelle partite in cui capisci l’andazzo dopo una ventina di minuti, quando una traversa ed un palo ti ricacciano in gola l’urlo per il gol e pochi minuti dopo il tuo portiere compie un mezzo miracolo, anzi facciamo pure un miracolo intero e capisci che anche stasera sarà dura, molto dura…
Stanno diventando sempre più insidiose queste trasferte nei cosiddetti campi di provincia: un pubblico che aspetta la partita come fosse l’evento dell’anno, il tutto esaurito, la squadra caricata a mille con la voglia di regalare al proprio pubblico l’impresa da raccontare ai nipoti e ai pronipoti.
Giusto per fare un esempio, ricordo una decina di anni fa, parlando con un amico catanzarese di mio fratello, che mi raccontò di quando era bambino, se non ricordo male il 1971, e il Catanzaro batté la Juventus con conseguente giornata di festeggiamenti per tutta la città, una roba epica: “Abbiamo battuto la Juventus!” con tanto di faccia meravigliata.

Gli anni passano, la Juve continua a vincere e la storia sembra sempre doversi ripetere, con le squadre avversarie che cercano la realizzazione del sogno.
Non dimentichiamolo mai quando giudichiamo in modo troppo distaccato le vittorie sofferte come quelle di stasera: salvo solo il risultato e poco altro, è un classico che leggo e che a volte penso anch’io, intendiamoci.
Il punto è che spesso non consideriamo, vista la differenza qualitativa degli organici (leggi siamo il triplo più forti), l’avversario che andiamo ad affrontare dimenticando che spesso e volentieri l’impegno e la foga che metteranno contro di noi non lo metteranno con le altre squadre.
E con questo non voglio dire che con le altre si scansano, semplicemente cercano l’impresa contro la squadra più forte, cioè noi.

Ma torniamo all’inizio.
Perché ho citato la frase di Boniperti?
Perché dall’inizio del campionato c’era qualcosa che non andava: a me piace vincere, sempre, ma da quando c’è questa Var qualcosa non andava. La vedevo usare a tutto spiano contro di noi, a Genova non rilevavano il fuorigioco sul fallo da rigore di Rugani, a Udine non vedevano il fallo su Mandžukić (che venne pure espulso, cornuto e mazziato) e il gol in fuorigioco di Danilo, a Bergamo andava a riavvolgere il nastro della partita di un minuto pur di annullare il gol del 3-1 di Mandžukić, il fallo di Alisson su Higuaín…e nello stesso tempo ho visto errori come il mani di Mertens a Crotone, il gol di Fazio in Roma – Cagliari e chi più ne ha più ne metta.
E tutto andava bene oh, La Var funzionava, gli errori erano sempre tantissimi ma funzionava.
Come il campionato, finalmente interessante e avvincente perché la Juventus non era prima in classifica.
Poi ci siamo rotti le scatole e abbiamo deciso che era giunta l’ora di farli incazzare ben bene, anche e soprattutto con La Var.
E in tre giorni abbiamo rimesso tutti in riga: prima il derby, poi stasera, ci siamo fatti una bella scorpacciata di sudditanza psicologica, errori “più peggiori” (detto da Ambrosini, colui che ai tempi non capì la domanda di Vergassola “Preferisce i rigori di potenza o i sassi di Matera?”), campionato falsato, arbitro X da fermare, squadra X infuriata con l’arbitro (anche se il Presidente del Cagliari ha giustamente fatto notare perché non fecero tutto questo pandemonio dopo Roma – Cagliari, chissà come mai, se chiedete a Mario Mattioli una spiegazione ve la darà…) e siamo tornati primi anche in questa classifica!
Finalmente torniamo ad essere ladri, non c’è Var che tenga anzi, diciamo che La Var è cosa nostra e che ci siamo comprati tutta la classe arbitrale (ahhhh, Eurovita è di Elkann!!!1!!!1! Condividi se sei indignato!!!11!!!): brutti, sporchi e cattivi oltre ovviamente ad antipatici e ladri!
Ahhh che bello essere juventini!
(NB. Se prendete alla lettera queste ultime righe e il titolo avete problemi anche seri)

Detto questo, dopo il derby ho espresso in modo pacato e garbato quanto mi importi della Var e devo dire che nel giro di tre giorni non ho cambiato opinione.
Non me ne frega un cazzo neanche stasera, punto.
Ho visto errori giganteschi con o senza Var, ho visto tifosi del Napoli e della Roma godere come ricci quando gli errori erano a favore loro e anche l’altro giorno ho visto tifosi juventini sprecare tempo a voler spiegare quando c’era una cosa sola da fare, godere!
C’era il fallo di mano di Bernardeschi stasera? Sì.
Era rigore? Sì.
Ho goduto non vedendolo assegnare? Sì, e anche tanto.
Ho goduto al gol di Bernardeschi, con gli avversari e il pubblico che chiedevano l’interruzione per il presunto fallo su Pavoletti? Oh si, tantissimo.
Il resto, compresa la sportività e l’imparzialità, lo lascio volentieri ai “tifosi juventini, però onesti” come Civati o Travaglio, che domani magari verranno intervistati dal Napolista di turno e passeranno come “tifosi juventini con cui si può ragionare”.

Detto questo, sono stati tre punti pesantissimi ma pagati a caro prezzo (e non solo per gli arbitri), con Dybala uscito per infortunio muscolare e Khedira dopo essersi preso una bella zuccata da Szczęsny, entrambi tra i fischi del civilissimo pubblico locale (aggiungo anche gli insulti razzisiti a Matuidi) che a ripensarci mi fa godere ancora di più per come abbiamo vinto.
E poteva mancare Chiellini con il turbante per il solito sopracciglio rotto?
Sono belle sensazioni, in fondo ci piace avere delle certezze a noi gobbi: le vittorie sporche, le urla di Allegri e Chiellini con il turbante, fanno molto atmosfera da racconto attorno al fuoco…
Dai dai dai, non fate troppo gli schizzinosi, abbiamo vinto una partita difficilissima, siamo sempre a un punto dal Napoli, siamo finalmente tornati ad essere la Rubentus e voi non godete???
Dimenticavo: mi sa che abbiamo pure trovato l’erede di Gigione Buffon, Codice Fiscale sta diventando sempre più sicuro e autorevole, insomma non fa sentire la mancanza di Gigi.

Keep the faith alive, forza Juve e W La Var!
(Anche se continua a non fregarmene un cazzo)

1 Commento

  1. Daniele

    7 gennaio 2018 alle 08:59

    Grande!!! I tuoi pezzi sono sempre una garanzia

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato

  • Juventus – Sassuolo: si riparte!

    Ho smaltito l’adrenalina per l’entusiasmante inizio della Nations League? L’avvincente esordio della Nazionale del Mancio mi ha lasciato residuo interesse per...

    Dimitri Cimolato16 settembre 2018
  • Parma-Juve 1-2 : tre vittorie su tre

    Tutto bene quel che finisce bene: il precampionato, per dire. Perché, malgrado la burocratica notazione del calendario, questo trittico è stato...

    Massimiliano Mingioni1 settembre 2018