Connect
To Top

CALCIOPOLARIO – 2. LA FARSA

Lo scandalo viene costruito mediaticamente. Nessuno ne sa nulla, ma tutti ne parlano… e tutti sanno come deve andare a finire. A furor di popolo.

slide1

Costruito il clima, si celebra il processo. Proviamo ad analizzarne le incongruenze più evidenti e gravi, a cominciare dall’istruttoria.

02030405

Gli atti, ancora coperti dal segreto istruttorio, furono consegnati a un privato cittadino (Borrelli non era ancora entrato in carica).
La “scomparsa” delle telefonate (anche quelle contrassegnate con i tre “baffi rossi”) di altre società. Fu la Procura di Napoli a non girare quelle intercettazioni alla Procura federale, o fu invece la Figc a non considerarle, pur avendole ricevute? Esiste un atto che elenchi e descriva il materiale probatorio che la Procura di Napoli consegnò alla Figc, rendendo possibile sapere cosa sia stato consegnato?
Sono state effettuate più di 171.000 intercettazioni, ma a processo ne furono utilizzate, contro la Juventus, poche decine. Qualcuno si sarebbe potuto e dovuto chiedere cosa ci fosse nelle restanti.

slide6

L’eliminazione di un grado di giudizio (il processo iniziò dall’appello). In violazione dell’art.37, comma 1, del Cgs. Venne saltato a piè pari il primo grado dell’iter di giudizio, la Commissione disciplinare, cominciando invece dall’appello, la Caf, e concludendo poi con la Corte federale.

slide7

La nomina dei giudici a processo iniziato è una vera e propria aberrazione del diritto. La requisitoria del Pm, con la richiesta delle condanne, fu pronunciata prima della fase dibattimentale, in violazione dell’art.37, comma 6, del Cgs.

slide8
slide9

Venne rigettata l’istanza delle difese, contrarie all’utilizzo delle intercettazioni in quanto non ammissibili. L’art.270 del Cpp prevede che le intercettazioni non possano costituire unico elemento di prova al di fuori del procedimento per il quale sono state disposte (quello penale). Ma il processo sportivo di calciopoli si è basato esclusivamente sulle intercettazioni. Su poche intercettazioni.

slide10
slide11

Insufficiente il tempo concesso agli avvocati, senza consentire di fatto l’esercizio del diritto alla difesa, diritto sancito dalla Costituzione. Limitatissimo il tempo concesso alle difese per controdedurre all’accusa. Addirittura, massimo 15 minuti per le arringhe difensive.
Il processo alla Caf durò 11 giorni (3-14 luglio), quello alla Corte federale soltanto 3 giorni (22-25 luglio). L’accusa poté visionare e studiare a lungo il materiale processuale (migliaia di pagine di tabulati telefonici), le difese lo dovettero fare in poco più di una settimana.

slide12
slide13

Agli accusati non venne riconosciuto il diritto di produrre testimoni in aula, né dossier o prove a discarico. Non venne permesso di far visionare le immagini delle partite che sarebbero state “truccate”. La fonte alla quale ci si abbeverava: i resoconti della Gazzetta dello Sport! Come si dimostra la regolarità o meno di fatti calcistici senza poterli visionare?

slide14

Il patteggiamento “anomalo”, proposto dal giudice Ruperto (e non dal Procuratore federale) al legale della Juventus, l’avvocato Zaccone. Al netto delle strumentalizzazioni, l’avv. Zaccone disse comunque di considerare “congrua una serie B con penalizzazione”, riferendosi in realtà a una pena identica a quella delle altre squadre.

15161718

In assenza di illeciti, l’invenzione di un reato sportivo inesistente: il cosiddetto illecito strutturato. L’illecito ambientale (o illecito strutturato) è un reato non contemplato dal Cgs. Tre episodi di slealtà (frode sportiva) fanno un illecito sportivo. Come quando si giocava a calcio da ragazzini: tre calci d’angolo, un rigore!
Curiosità: la sentenza della Caf venne anticipata (e azzeccata quasi alla lettera), un paio di giorni prima, dalla Gazzetta dello Sport.
L’alterazione del campionato 2004/05. Come si fa ad alterare la classifica di un campionato senza alterare le singole partite? Si altera da sola? Nessuno è mai riuscito a spiegarlo.
La revoca alla Juventus di uno scudetto vinto in un campionato mai messo sotto inchiesta, il 2005/06. Titolo assegnato, di fretta, all’Inter il giorno della sentenza. Ma l’Uefa (come da regolamento) aveva chiesto solo i nomi delle partecipanti alle coppe, non la classifica. L’assegnazione di quello stesso titolo (a chi non ne aveva le caratteristiche “etiche” richieste dai 3 saggi) senza atti ufficiali, con un comunicato stampa, nottetempo.

Puntate precedenti del Calciopolario:
1. COS’È CALCIOPOLI

1 Commento

  1. MATTEO

    5 dicembre 2016 alle 21:29

    Non vedo l’ora che qualcuno decida di decidere su questi dati. E solo in ambito europeo, non certo in Italia, qualcuno potrà affermare se il processo sportivo sommario di quell’estate sia stato o no una Farsopoli, come noi juventini crediamo. Noi non siamo innocenti, ma non siamo colpevoli come qualcuno ha voluto far credere e soprattutto, e questo è il punto fondamentale, siamo stati appositamente affondati per avvantaggiare qualcuno, pure lui colpevole, usando come strumento la stessa GIUSTIZIA che per definizione deve essere uguali per tutti.
    Restando in attesa di qualcuno diverso da Ponzio Pilato, auguro solo la stessa maledizione che Bela Guttmann lanciò al Benfica: che l’Inter non vinca più nulla fino a quando VERA GIUSTIZIA sia fatta.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciopolario

  • CALCIOPOLARIO – 1. COS’È CALCIOPOLI

    Una dozzina di “trasmissioni brevi” di 12-13 minuti l’una. Nel decennale di calciopoli, ne ripercorreremo la storia evidenziandone i punti salienti. Circa...

    Nino Ori14 gennaio 2017
  • CALCIOPOLARIO – 3. IL PROCESSO SPORTIVO

    Fretta di processare, fretta di decidere, fretta di condannare, fretta di punire qualcuno e di premiare qualcun altro. Eliminato il primo...

    Nino Ori14 gennaio 2017