Connect
To Top

Com’è lontano giugno

Esiste una classe di tifosi juventini che, ogni anno, è convinta di come la squadra sia stata indebolita rispetto a quella della stagione precedente, indipendentemente da chi sia arrivato e da chi sia stato ceduto. Questo sottogruppo di persone manifesta il proprio disappunto esattamente in questi giorni, gli ultimi di calciomercato (deo gratias!), quelli più vicini all’inizio della stagione.

Come ogni prima decade di agosto, il “tifoso Juventino Avventista del Terzo Millennio” dimentica (ma credo faccia finta…) le operazioni di mercato svolte a maggio/giugno e portate a termine da Marotta e Paratici con largo anticipo e chiede, con vigore, l’acquisto che metta fine alla sua sete di presentazioni ufficiali, foto di rito, bagno di folla del neo-acquisto bianconero.

Anche quest’anno vediamo promulgarsi il verbo dello juventino sempre in ansia da calciomercato: “La squadra è più debole, la partenza di Pogba lascia un vuoto incolmabile e Marotta si farà trovare impreparato come l’anno scorso, Marchisio è rotto fino a Natale e chissà se tornerà mai più il giocatore di una volta, Khedira giocherà  20 partite al massimo, sono andati via Morata e Cuadrado e non li abbiamo sostituiti degnamente.”

E queste parole si leggono in giro non da ieri ma lo stesso pomeriggio della presentazione di Higuain (giuro) quando iniziarono a farsi largo le prime voci secondo cui “entro le prossime 48 ore Pogba sarà ufficialmente un calciatore del Manchester United.”

Lo Juventino Avventista del Terzo Millennio dimentica molto presto gli acquisti di giugno, il loro valore, la valenza di certe operazioni e l’importanza di averle concluse già a inizio stagione. Per lo J.A.T.M. conta solo il botto degli ultimi giorni, l’Ibrahimovic o il Cannavaro sbattuto in faccia agli avversari il 31 agosto, il nome da dare in pasto ai giornali, e guai ad acquistare, proprio nei giorni sacri al culto, un Hernanes o un Lemina: il confronto sarà impietoso, il giudizio tremendo.

Fallimento assicurato!

Questa tradizione viene tramandata da avventista ad avventista ogni anno e il risultato è sempre lo stesso: figure barbine per tutta la stagione. Andiamo, per questo, a rinfrescarci la memoria:

  • Sessione di calciomercato stagione 2011/12, acquisti principali e relativo commento dello J.A.T.M.:
    Lichtsteiner: strapagato
    Vucinic: non ha mentalità vincente, incostante, strapagato
    Pirlo: rotto
    Vidal: n.p. (lo conoscevano in pochi, quindi non esisteva)
  • Stagione 2012/13:
    Pogba: n.p. (vedi Vidal)
    Isla, Asamoah e Caceres: rotti e/o strapagati (qui credo abbiano avuto ragione, ma non è questo il punto, ndr)
    Giovinco: strapagato un giocatore già nostro
  • Stagione 2013/14:
    Ogbonna: strapagato
    Tevez: vecchio, imbolsito, mai decisivo
    Llorente: 4 milioni all’anno per un trentenne che ha passato gli ultimi mesi senza giocare
  • Stagione 2014/15:
    Allegri: hanno rotto il giocattolo
    Evra: vecchio, non adatto alla serie A
    Morata: se il Real lo lascia partire un motivo ci sarà
  • Stagione 2015/16:
    Khedira: sempre rotto, vecchio, se il Real lo lascia partire ecc.
    Dybala: incognita strapagata, non sposta gli equilibri
    Rugani: non giocherà mai, lo bruceremo
    Alex Sandro: 26 milioni per la riserva di Evra
    Cuadrado: a che serve, è solo un ripiego per il mancato arrivo del trequartista
    Mandzukic: il meglio lo ha già dato, segnerà meno di Llorente
    Zaza: scarso
  • Quello che sta avvenendo per la stagione in procinto di cominciare è sotto gli occhi di tutti. Nonostante gli arrivi di Pjanic, Benatia, Higuain, Dani Alves e Pjaca, lo J.A.T.M. ha un unico pensiero, quello riguardante la cessione di Pogba. Cessione che, tra l’altro, non è ancora avvenuta (ma anche questo limbo è nocivo per l’ambiente, sapevatelo) e che, nel caso si realizzasse, porterebbe in cassa un quantitativo tale di denaro da poter sopperire alla sua partenza con un giocatore forse non paragonabile per talento ma che si andrebbe ad aggiungere a tutta “la roba” che già si sta allenando a Vinovo da alcuni giorni.

Come siano andate a finire tutte queste stagioni lo sappiamo benissimo; qui non è in discussione l’effettivo valore di ogni giocatore giunto a Vinovo in questi anni, il giudizio preventivo su alcuni di essi, infatti, si è rivelato corretto. Così come sorridiamo rileggendo cosa diceva lo J.A.T.M. di alcuni neo arrivati rivelatisi o riscopertisi autentici fuoriclasse. Il punto, allora, è un altro: la Juventus mi sembra in mani sempre più capaci ed esperte. Perché fasciarsi la testa ora nonostante quanto accaduto nel recente passato? Non vorrei che lo J.A.T.M. vivesse la stagione sperando in un fallimento solo per poter dire la fatidica frase “io l’avevo detto.”

10 Comments

  1. Demetrio

    4 agosto 2016 alle 11:20

    personalmente lascio perdere le polemiche tra juventini, il calcio è pieno di sciocchezze di pancia dette dai tifosi (e pure dai giornalisti, questo è l’inaccettabile), l’importante è che siano i dirigenti a lavorare seriamente. Detto questo il mercato di quest’anno senza la perdita di Pogba sarebbe PERFETTO. Con la perdita di Pogba buono. Molto buono se vogliamo. Non ha grande importanza, alla fine. A me interessa la squadra più che i titoli sui giornali. La difesa è a posto direi. Ottimi giocatori in numero abbondante. Inserimenti di Dani Alves e Benatia. 10. In attacco idem direi. Abbondanza di ottimi giocatori. E’ andato via Morata è arrivato Higuain. Si può discutere il prezzo ma non il fatto che Marotta non abbia mantenuto quanto promesso per rimpiazzare Alvaro. E’ il centrocampo che capisco meno, per ora. Forse sono io che non vedo Pjanic come il sostituto di Pogba, non mi sembrano due giocatori simili. E’ questo il reparto che mi preoccupa, o meglio, mi preoccuperebbe se andasse via Paul. Detto che a me dei 120 milioni frega niente perchè non sono io ad incassarli e non credo che ci sia un centrocampista forte e giovane come Pogba, non capisco alcune cose… Ah evitiamo subito i paragoni con il passato tipo “caso Zidane”. Zizou aveva 31 anni quando è andato , non 23. Buffon, Thuram e Nedved erano giocatori che SERVIVANO più di un trequartista a quella squadra e infatti si è visto un miglioramento. In questo caso vedo un impoverimento nella qualità del centrocampo. Ci sono giocatori ottimi ma non più giovani come Khedira e lo stesso Marchisio, ci sono Asamoah che da un po’ non giocava pi in mezzo, Sturaro, Lemina, Hernanes(?)Pianjc, Mandragora(?). Al netto di qualche partenza (la Juve, come al solito, vende poco) , non riesco a vedere un centrocampo coerente viste anche le presenze sulle fasce di gente come Alex Sandro o Dani Alves…Chiedo lumi a qualche fratello bianconero in proposito. Personalmente credo che non arriveà Witsel nè nessun altro e che, SE Pogba andasse via, Pianjc sarebbe il suo sostituto. Nota positiva per Allegri : finalmente il trequartista Pjaca !! Alla faccia di Draxler che adesso vuole andare via dal Wolfburg, ahahah! Non so se Pirlo, Marchisio, Vidal e Pogba fosse un centrocampo migliore o peggiore di questo…un’ideo ce l’avrei ma aspetto che sia il campo a parlare. Voi avete però idea di come giocheremo? Tre attaccanti?

    • Giuseppe Simone

      4 agosto 2016 alle 11:49

      Il problema del calciomercato è fondamentalmente uno: si può giudicare solo alla fine della stagione successiva!
      Un lasso di tempo troppo elevato per chi deve a tutti i costi esprimere un giudizio netto e insindacabile su quanto avviene oggi.
      Chi avrebbe mai immaginato che Vidal, Pogba, Morata, Dybala ecc. si sarebbero rivelati i campioni assoluti che oggi conosciamo? L’anno scorso, a causa del mancato arrivo di Draxler e di un trequartista in genere molti juventini erano sicuri che quello sarebbe stato un anno in cui non avremmo vinto nulla. E invece…
      Pertanto aspetterei: 1) la fine del calciomercato per fare un primo riscontro tra acquisti e cessioni e 2) il campo per un giudizio definitivo.

      Posto che i paragoni con l’operazione Zidane li trovo insensati anche io, volevo precisare che il franco algerino andò via quando di anni ne aveva 29, non 31.

      • Demetrio

        4 agosto 2016 alle 11:59

        sì, corretto, chiedo venia, erano 29. Infatti non è il giudizio sul mercato che trovo interessante quanto l’idea di come si schiererà veramente la squadra quest’anno.

        • Giuseppe Simone

          4 agosto 2016 alle 12:19

          L’abbondanza (in qualità e quantità) di difensori centrali lascia pensare che il modulo base sarà ancora il 352, a meno che la sorpresa in uscita non riguardi Pogba bensì proprio la difesa…
          L’arrivo di giocatori come Pjanic, Higuain e il giovane Pjaca lasciano aperte anche molte altre variabili, tutte molto concrete: 4321 con Pjanic e Dybala dietro la prima punta, 433 con Pjaca e Dybala esterni (anche se vedo questo schieramento un po’ meno probabile degli altri) e il sempiterno 442 che vediamo spesso in fase di non possesso.
          L’aspetto che più mi affascina, però, è l’incertezza su come giocherà la Juve 2016/17, garanzia che anche quest’anno sarà dura per gli allenatori avversari trovare le contromisure alla Juve di Allegri.

    • Carlo Santoro

      4 agosto 2016 alle 14:51

      Pjanic è invece il giocatore ideale per sostituire Pogba in fase offensiva.
      Mentre Paul con la Juve difendeva ma aveva piena libertà di giocare in fase offensiva dove più gli pareva, Pjanic ha spesso giocato nella Roma da metodista in mezzo al campo quando c’era bisogno, essendo l’unico, vista l’assenza di Strootman, ad avere un buon piede per poter far partire bene l’azione.
      Quello che semmai perdiamo, dovesse veramente andar via Pogba, è quello che il francese da in fase difensiva. Cosa che molti tendono a sottovalutare tantissimo.
      Da non sottovalutare, inoltre, che Pogba ha espresso quello che ha espresso finora grazie soprattutto ai compagni di reparto.
      Quando abbiamo giocato senza Marchisio e Khedira lui è stato spesso in ombra e le sconfitte di inizio anno, anche se dovute all’inserimento dei nuovi, sono arrivate principalmente per l’assenza di entrambi che hanno caricato maggiormente Paul di lavoro.
      Non dico che la Juve non ci perde con l’eventuale cessione di Pogba, anzi, ci perde tantissimo. Ma credo che sia più lui a perderci. Attualmente è un campione, non un fuoriclasse. Ha preso per mano la squadra quando aveva le spalle coperte dagli altri compagni, cosa che credo, se andrà via, gli peserà tantissimo nello United dove dovrà essere lui in mezzo al campo a prendersi tutte le responsabilità, a fare tutto il lavoro e non mi stupirebbe di vederlo per i primi 2-3 mesi a fare il mediano come in questi ultimi europei.

      Insomma, a meno che eventualmente la Juve sostituisca Pogba con Bertolacci, il centrocampo della Juve sarà di primissimo piano.

      • Demetrio

        5 agosto 2016 alle 09:59

        sono daccordo. La Juve perderebbe, senza Pogba, un giocatore forte anche in interdizione. Proprio per questo ho qualche dubbio su come Allegri schiererà il centrocampo. Comunque diciamolo, andare al ManU quest’anno vuol dire solo ed esclusivamente andare a guadagnare di più, la Juve è più forte ed è più forte di tutte le altre squadre in cui ha giocato Pogba fin’ora…Poi a Manchester c’è Mourinho… Comunque non me l’aspettavo un ragionamento mercenario da Paul…vediamo, intanto dovevano annunciarlo in Inghilterra ieri, poi oggi, poi… chissà.

        • Mrco

          5 agosto 2016 alle 12:03

          ” A chi domanda se per la Juventus ci sia il rischio di dover dire addio anche a Paul Pogba, nel mirino del Real Madrid, Elkann risponde sottolineando che l’ad Beppe Marotta “è stato molto chiaro a proposito” affermando che il club bianconero non vuole trattare un’eventuale cessione del talento francese.” J. Elkann 22/06/2016

          Marotta risponde in maniera secca: “Non è sul mercato, quindi non ci siamo posti problemi sull’eventuale percentuale da riservare agli agenti”. 04 maggio 2016

          GIUGNO E’ LONTANO, in effetti.

  2. Roberto Albanese

    4 agosto 2016 alle 11:24

    Il fatto si è che una parte del mondo pallonaro vive di “figurine del famoso Panini”, di scoop, e con la presunzione di …saperne più del dottore.
    Credo che il lavoro serio proposto in questi ultimi anni da una società CAPACE, meriti la fiducia incondizionata di tutti. Inoltre al di là del presunto fenomeno da acquistare, vediamo anche cosa sta facendo di immenso la proprietà come merchandising, strutture parallele, città e attività collegate, stadio, promozione, politica di crescita e tanto altro. Tanto altro sconosciuto alle altre società e a tutti quelli che con presunzione (e lo ripeto) si guardano con attenzione il dito scordandosi la luna.Urlare al bar è una cosa, programmare è tutt’altra faccenda.

    • Giuseppe Simone

      4 agosto 2016 alle 11:52

      A proposito di strategie di marketing e aumento del fatturato ti rimando alla lettura del mio precedente articolo sull’acquisto di Higuain e la sua valenza in termini di immagine oltre che di gioco: http://www.juveatrestelle.it/higuain-alla-juve-oh-no/

  3. Marco

    7 agosto 2016 alle 16:40

    Alle parole di Allegri su Pogba lunedì a Vinovo seguono le visite mediche con il ManU. Che
    Sia meglio Pogba di Higuain e’ solo un opinione, che il calcio sia solo bugie un fatto.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Opinioni

  • Dove eravamo rimasti

    La capitale del Galles, grigia e insignificante come possono essere solo le più brutte città britanniche, è stata teatro dell’ultima apparizione...

    Dimitri Cimolato11 agosto 2018
  • Strani incroci di calciomercato

    È strano, nell’estate di Cristiano Ronaldo, un’estate in cui senti che tutti i tuoi sogni calcistici stanno prendendo forma, ritrovarsi perlomeno...

    Angelo Parodo2 agosto 2018