Connect
To Top

Il “bel gioco” IMHO

Non ho resistito alla tentazione di inserire nel titolo l’acronimo IMHO (in my humble opinion). Un po’ per rompere le palle a qualche mio caro amico e un po’ perché, più seriamente, quello su cui si discute è per definizione estremamente soggettivo e legato al proprio modo di vedere il calcio.

In linea di massima, su ciò che sia il bel calcio per ciascuno di noi è inutile discuterne, anzi direi addirittura che sarebbe un abominio farlo. Ogni giudizio sul “bello” è fuor di dubbio figlio della personale concezione estetica di ognuno e dei parametri con i quali la si misura. A qualcuno può piacere un calcio in cui la giocata estremamente tecnica è assurta a opera d’arte, ad altri un calcio in cui l’agonismo e le maglie infangate provocano spinte onaniste incontrollabili; altri ancora provano puro godimento nel vedere movimenti dei calciatori perfettamente coordinati e sincroni. Dunque, risulta impossibile trovare una sintesi. Direi che sia addirittura sbagliato cercarla.

Per esempio, nel calcio per me ha molto più senso l’espressione del “giocare (giohare) bene” piuttosto che “fare un bel calcio”, perchè nel primo caso è implicita l’esistenza di un fine “altro” da raggiungere. Ma siccome il tema è caldo e ahimè attuale, va affrontato.

Allora proviamo a correggere il tiro, abbassando il livello di pretese. Più che di una definizione del “bel calcio”, valida in senso assoluto, proviamo a trovarci d’accordo su una declinazione più specifica del concetto di bellezza, calata nel calcio o, comunque, nello sport. Potremmo definire tale bellezza come funzionale, cioè una bellezza in cui il valore estetico di un progetto o oggetto sia misurabile in funzione degli obiettivi che ci si è prefissi di raggiungere. Il calcio, qualunque sport, è sfida per raggiungere un obiettivo. Dunque potremmo dire che l’unica bellezza di cui ha senso parlare, in ambito sportivo, è una sorta di bellezza ergonomica.

Ma se nel design di qualsiasi oggetto l’ergonomia si traduce in facilità e/o logicità di utilizzo in funzione dello scopo per il quale quell’oggetto è stato creato, nel calcio la bellezza ergonomica è certamente quella che conduce a migliorare le probabilità di vittoria nella competizione. La bellezza funzionale alla vittoria.

Ora, se della bellezza fine a se stessa, non avendo capisaldi riconosciuti e soprattutto definitivi, possono parlarne tutti poichè il margine di discrezionalità è per definizione amplissimo (per esempio, ne possono parlare con una certa autorevolezza persino soggetti come Pistocchi o Zazzaroni …..) nel caso di quella che abbiamo definito come bellezza ergonomica forse il cerchio si restringe: occorre avere una certa dimestichezza con il contesto di riferimento, a cosa si applica, quali sono le materie prime utilizzate, quali gli scopi ultimi.

Quindi, avendo stabilito (forse) di quale bellezza si dibatte e quali potrebbero essere i canoni con il quale misurarla, la Juventus dell’attuale stagione è bella?

A tal proposito, è giusto che ognuno si faccia la propria opinione, cercando per quanto possibile però di non farsi influenzare da concetti e parole vuote di cui i giornali e i dibattiti sportivi sono purtroppo pieni.

Imho (mi diverto tantissimo, lo ammetto) è che la Juve ora è caratterizzata da una bellezza adolescenziale, in cui è possibile riscontrare i tratti embrionali della bella donna/bell’uomo (per carità, non si dica che siamo sessisti ….) ma ancora acerbi, grezzi, tipici di una giovinezza ancora violentemente attuale.

La soluzione del puzzle, a mio avviso, deve ancora essere trovata, l’abito completato, gli interpreti ancora da coinvolgere pienamente.

Vedremo dunque come crescerà l’adolescente (grazie a Dio, sostantivo asessuato ….), l’importante è che i tempi siano compatibili con il concorso di bellezza a cui sta partecipando e che i giudici del concorso suddetto (i giornalisti?) e gli spettatori (noi tifosi?) se ne occupino in modo pertinente.

 

Fino alla fine forza Juventus

2 Comments

  1. Mario

    29 novembre 2016 alle 17:40

    Caro Cosimo,

    mi è piaciuto quello che hai scritto, complimenti!

    Però mi permetto di dissentire sull’ultimo punto.

    I giudici del concorso di bellezza a cui partecipa la nostra Juventus NON sono certo i giornalisti (anche se molti di loro pensano di esserlo, come hanno ampiamente dimostrato una decina di anni fa).
    E non siamo neppure noi tifosi (anche se, di nuovo, molti di noi si sono scoperti finissimi critici d’arte).

    No, c’è un solo giudice della bellezza di una squadra di calcio, il campo. Ed il suo verdetto non viene espresso a Novembre, come i tifosi di cui sopra sembrano pensare, ma in Primavera.

    • Cosimo Bontà

      30 novembre 2016 alle 09:17

      Sono assolutamente d’accordo con te, alla fine quello conta. E se è vero questo, è veramente troppo presto trarre conclusioni.
      E’ ovvio però che il giochino sta pure nel cogliere i segnali. Quindi l’obiezione che “non si giochi bene” e questo può costituire un problema quando l’asticella si alzerà ha comunque una sua ragion d’essere e va tenuta in conto.
      PS: Grazie per i complimenti. Ciao Mario

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Opinioni

  • Generazione di fenomeni

    Ci sono molte domande cui è difficile dare risposta ma, tra i vari misteri del cosmo, quello che potrebbe essere più...

    Dimitri Cimolato8 dicembre 2017
  • Del bel gioco e del giocar bene

    Ebbene sì, anche se può sembrare solo una questione di lana caprina, fare un bel gioco e giocar bene sono due cose...

    Ossimoroju29ro3 dicembre 2017