Connect
To Top

It’s time…to say why always us?

Sabato mattina avevo twittato “no mi spiace, ma questa volta non scriverò COMUNQUE VADA GRAZIE ECC, perché io la voglio vincere”, talmente ero sicuro che l’avremmo esposta nel JMuseum. La realtà, ancora una volta, ci ha messo di fronte all’ennesima finale persa, all’ennesima immagine degli avversari che la alzano e noi col capo chino a guardare la medaglia d’argento, la medaglia degli eterni secondi. E così per la settima volta nella ultracentenaria storia bianconera.

Da dove nasceva la convinzione che questa volta sarebbe stata diversa? Dalle dichiarazioni dei giocatori i quali, all’indomani della semifinale e per le settimane seguenti, avevano ripetuto a più riprese “c’è una maggiore consapevolezza rispetto a Berlino, siamo più maturi”. Ci siamo cascati tutti, c’è poco da fare. Ecco perché le bastonate prese in campo, rectius nel secondo tempo, ci hanno rotto le ossa più di altre volte e adesso riprendersi sarà molto, molto complicato, volendo essere ottimisti.

La delusione e, perché no, anche la rabbia sono personalmente aumentate nell’ascoltare le parole di Buffon che candidamente ammetteva “alla prima difficoltà abbiamo svalvolato”; e la consapevolezza di cui si parlava prima della finale? E la maturità acquisita nel percorso di crescita internazionale? E lo straordinario lavoro mentale fatto da Allegri in questi anni? Tutto svanito in quarantacinque minuti.

Ho letto/sentito numerose opinioni in questi giorni sul tema “l’ossessione di noi tifosi per la Champions (lo confesso, per me lo è) l’abbiamo trasmessa alla squadra che l’ha subita”. Stupidaggine colossale, non crederò mai che un professionista trentanovenne, con oltre vent’anni di carriera alle spalle, possa essere condizionato (lui e gli altri vecchi della squadra) dagli umori dei tifosi.

Quindi, cosa pensare? Che quella consapevolezza sbandierata ai quattro venti era solo un’illusione? Oppure, era solo un modo per mascherare la tremarella che “covava sotto la cenere”? È stato un fallimento, senza tanti giri di parole. Uso appositamente un termine così forte perché se da sempre ci vantiamo (giustamente) del motto bonipertiano, “vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”, va da sé che il medesimo debba valere sempre, non soltanto per il campionato o la coppa Italia.

Ecco perché non riesco a dire “GRAZIE LO STESSO”, perché sarei ipocrita; perché il senso di smarrimento che si prova è profondo. La nostra stagione, straordinaria fino al giorno precedente la partita di Cardiff, non sarà “macchiata” dalla sconfitta contro il Real, ma, parere personale, un po’ “ridimensionata” sì.

Che la Champions fosse l’obiettivo primario l’ho evinto dalle parole di Allegri nella conferenza pre-finale, in cui testualmente asseriva “le vittorie di queste settimane (alludendo a scudetto e coppa nazionale n.d.r.) ci sono servite da allenamento, non siamo venuti a Cardiff in vacanza; siamo venuti a prenderci la coppa.

Più chiaro di così.

Non si pensi (già so che sarà così) che lo scrivente sia un voltagabbana, che sia un tifoso “occasionale” perché “è comodo esultare quando si vince” (per inciso, sono abbonato allo Stadium e ogni volta mi sorbisco venti ore di pullman fra andata e ritorno per seguire dal vivo la Vecchia Signora; anche nelle gelide sere d’inverno), ma la passione sfrenata non deve portare ad accettare sempre tutto. Stavolta no, è proprio impossibile.

Un tifoso avrà anche il diritto di incazzarsi, di restare deluso, di sentirsi tradito dai propri beniamini per una volta? Ecco, è lo stato d’animo che mi pervade da sabato notte.

2 Comments

  1. Rik

    8 giugno 2017 alle 13:52

    anche io speravo tanto che questa volta fosse diverso. non posso dire che ne ero convinto, non si può mai essere certi di niente, però c’erano tante cose che me l’avevano fatto sperare.
    non mi importa mai molto delle dichiarazioni, guardo ai fatti (secondo me uno determinato è uno che in campo si dimostra sempre concentratissimo, indipendentemente dai proclami), e il modo con cui abbiamo giocato alla pari col barcellona (si può passare il turno per botta di fortuna e con poco merito, invece ero soddisfattissimo del fatto di aver passato giocando alla pari con una squadra così forte) e come abbiamo dominato il monaco mi faceva pensare che finalmente eravamo pronti per una grande finale.
    comunque “il problema” io lo vedo in maniera totalmente opposta … non mi sembra che ce la siamo fatta sotto, ma che eravamo fin troppo sicuri di poter vincere che appena le cose sono girate male non avevamo risorse mentali per continuare a combattere.
    già nelle settimane prima della finale ho scritto commenti in cui dicevo di trovare fuori luogo quelle interviste in cui si parlava troppo del dedicare la coppa a quello o quell’altro, del sentirsi la difesa più forte del mondo. a me sembra che c’era qualcuno che pensava che la coppa fosse già vinta.
    il real è piu forte di noi, ed è entrato in campo per dare il 200%. noi, leggermente inferiori ma convinti di giocarcela alla pari e convinti che grazie alla difesa migliore d’europa potevamo solo pensare a buttarla dentro anche una sola volta, abbiamo dato semplicemente il 120%, e solo per una parte del primo tempo.

    ad ogni modo penso che essere tifoso contempla anche questo .. essere incaxxato nero per una coppa persa .. grato per gli storici trionfi in italia, ma furioso per l’ennesima sconfitta europea, non credo voglia dire essere voltagabbana.

  2. Giuseppe

    8 giugno 2017 alle 15:42

    Ho 51 anni di finali ne ho viste otto ,per ovvie ragioni di etá non ricordo la prima finale persa con il grande Ajax.
    Delle 6 finali che ho visto perdere alla Juve , quella con il Real dell’altra sera poteva essere preventivabile, così come quella di
    Due anni fá con il Barcellona. Obiettivamente entrambi erano squadre piú forti della Juve e ci stá di perdere.
    Quelle che veramente non metabolizzeró mai sono le occasioni perse,anzi buttate al vento, con squadre manifestamente inferiori alla
    Juve , vedi : Amburgo 83, Borussia Dortmund 97, Milan 2003. Qualcuno si domanderá :dove sta la logica o la morale ?
    Io una piccola spiegazione c’é l’ho , ed é legato ad un incontrovertibile dato statistico , in entrambe le volte che abbiamo vinto
    Questa maledetta coppa la Juve non vinse il Campionato.
    Conclusione : sarebbe opportuno puntare tutta la stagione per quell ‘ obiettivo è poi lasciar fare alla sorte……

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Opinioni

  • Elogio del fuoriclasse

    Ieri pomeriggio allo Juventus/Allianz Stadium è capitata una cosa stranissima, una di quelle illuminazioni che nella tua vita di tifoso succedono,...

    Alessio Epifani10 settembre 2017
  • Documento segreto! La nostra chat sul VAR

    VAR o non VAR? Questo è il problema. Ci siamo riallacciati a quanto accaduto nell’ultima di campionato, cioè il rigore contro...

    Redazione J3S30 agosto 2017