Connect
To Top

Juventus – Genoa: ricominciamo!

Il mio amico Salvador Righi è solito impreziosire i suoi articoli con citazioni musicali raffinate e di alto livello, io invece userò uno sguaiato “…e correrti incontro e gridarti ti amoooo ricominciamoooooo”. Se la sosta invernale era sopportabile a stento annegata nelle feste tra natale e la Befana, è stato invece difficile sopravvivere a questi quindici giorni senza Juventus. Fortunatamente siamo stati risparmiati dalla stragrande maggioranza dei deliri sul calciomercato: Emre Can forse a giugno, sicuramente non ora; il coreano Han in prospettiva, qualche nome sparso di terzini destri e sinistri per la prossima stagione. Robetta insomma. A posto così, grazie.

Qualche polemichina interna non ce la siamo fatta mancare: Dybala ha partecipato a una sfilata di moda a Milano e qualcuno ha mugugnato sulle distrazioni, senza considerare che lui è rimasto a Torino per continuare a curarsi mentre gli altri erano in giro per il mondo. Marchisio (alle Maldive) ha pubblicato un post su Instagram in cui abbracciando la moglie commentava “qualsiasi cosa ci riserverà il futuro…” e tanti hanno letto indizi sulla possibilità di andarsene dalla Juventus. Pochi giorni dopo per il suo compleanno ha dichiarato amore eterno alla Juventus, come fa da venticinque anni a questa parte. Tanti lo vorrebbero vendere o lasciare andare in MLS dando retta a qualche spiffero, io vorrei solo che uno così ritrovasse la sua forma migliore: “accompagnare alla porta” è un trattamento che possiamo riservare ad altri, non a Marchisio.
E infine Barzagli: con mezza tifoseria che si diletta abitualmente tra fantacalcio e FIFA 18 (questa la devo ad Alessio Epifani), ha destato scalpore l’idea di un possibile rinnovo di un anno.  È in forma, è sano, è ancora molto forte, è uno dei senatori della squadra e la società lo ritiene un elemento chiave dello spogliatoio che perderà (quasi sicuramente) una autorità come Buffon. Scandalizzatevi per altro, non per Barzagli con noi un altro anno (oh, ve l’hanno detto che vi fanno pagare 2 centesimi i sacchetti della frutta al supermercato?).

Veniamo alla partita: bisogna essere Sarri (o malati di sarrismo) per discutere sul calendario. Il Napoli ha vinto a Bergamo e la Juventus dovrà vincere, che è esattamente quello che avrebbe dovuto fare se il Napoli avesse pareggiato o perso. A partite invertite sarebbe stato lo stesso: con un solo punto di distacco devi sempre e solo pensare a vincere. Con la pausa abbiamo recuperato De Sciglio, in conferenza stampa Allegri ha riferito che Buffon e Marchisio rientreranno la settimana prossima. Cuadrado, Dybala e Howedes vanno monitorati settimana per settimana. Gli unici dubbi per il mister sono tra Douglas Costa e Bernardeschi davanti e De Sciglio, Lichtsteiner o Barzagli per la posizione di terzino destro.

Lunedì sera – Monday Night per dirla all’americana – affrontiamo il Genoa rimesso in sesto da Ballardini che ne ha rinforzato la fase difensiva tanto che Mattia Perin non subisce gol da quattro turni. Sarà quindi una partita difficile, contro una squadra rognosa che cercherà di difendersi e chiudersi il più possibile per poi cercare di colpire. Niente di nuovo e niente che non si sia già visto in tantissime occasioni allo Stadium.

Da qui inizia la seconda fase di questa stagione, con undici partite in sette settimane tra cui gli ottavi di Champions League, le semifinali di Coppa Italia, il derby e le trasferte a Firenze e a Roma con la Lazio. Si ricomincia ed è bene ripartire con il piede giusto.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato

  • Juventus – Sassuolo: si riparte!

    Ho smaltito l’adrenalina per l’entusiasmante inizio della Nations League? L’avvincente esordio della Nazionale del Mancio mi ha lasciato residuo interesse per...

    Dimitri Cimolato16 settembre 2018
  • Parma-Juve 1-2 : tre vittorie su tre

    Tutto bene quel che finisce bene: il precampionato, per dire. Perché, malgrado la burocratica notazione del calendario, questo trittico è stato...

    Massimiliano Mingioni1 settembre 2018