Connect
To Top

Juventus – Inter 0-0: regalo di Natale

Cosa rimane di uno 0-0 casalingo contro l’Inter dopo aver giocato una buona partita?
Un punto.
Cosa sarebbe potuto rimanere di un 3-0 casalingo contro l’Inter dopo aver giocato una buona partita?
Tre punti.
Cosa sarebbe potuto rimanere di un 1-0 casalingo contro l’Inter dopo aver giocato una brutta partita?
Tre punti.

Cosa volete, la 1, la 2 o la 3?
Io sono una persona che si accontenta di poco, sono uno juventino atipico, non sono uno dal palato raffinato (anche se ho visto giocare fior di fuoriclasse con la nostra maglia), per cui quando vedo i 3 punti sono già contento, e chissenefrega come sono arrivati, io scelgo sempre la vittoria per 1-0 anche giocando malissimo.
Se poi arriva anche la buona prestazione tanto meglio, ma nel dubbio sempre prima il risultato, il bel gioco e il divertimento lo lascio agli altri.
Per dire, ricordate vero la prima Juve di Conte? Ricordate i pareggi casalinghi contro Bologna e Genoa dopo aver creato 125 palle gol? C’è chi diceva “Però abbiamo giocato bene”, io mi limitavo a bestemmiare durante la partita e a prendere sonno alle quattro di notte dal nervoso.
Stasera più o meno è andata così, stasera la squadra ha giocato bene, ha schiacciato l’Inter nella propria metà campo, ha creato un bel po’ di palle gol, il migliore in campo per loro è risultato Handanovič, la squadra non ha risentito dell’inevitabile calo atletico dopo 2 partite delicate come quelle di Napoli e Atene e alla fine ha regalato un punto all’Inter.
Ehhhh, ma almeno si sono visti sprazzi di bel gioco!
Ehhhh, ma l’Inter non è quasi mai uscita dalla sua metà campo!
Ehhhh, ma Icardi non ha visto palla!
Ehhhh, ma metti che Mandžukić non si mangia un gol!
Ehhhh, ma vedi d’annà un po’ a …

Va bene dai, proviamo a guardare cosa è successo.
Davvero, la squadra ha giocato bene, soprattutto nel secondo tempo Cuadrado, Pjanić e Matuidi hanno trascinato la squadra creando occasioni da gol a ripetizione, portando avanti un discorso già iniziato dalla metà del primo tempo.
Stesso discorso vale per l’ottimo lavoro svolto dai difensori, sempre sul pezzo, sempre precisi, con Benatia ormai lontano parente di quel fantasma che giocava partite sciagurate e Chiellini in uno stato di grazia che dura ormai da mesi. Bene anche De Sciglio, sempre più sicuro di se stesso sulla fascia destra, e bene anche Asamoah in fase difensiva… in quella offensiva latita e si sa chi ci vorrebbe, ma se poi dobbiamo giocare in 10 allora meglio Asa.
Poi purtroppo c’erano anche gli attaccanti: uno ignorato dal resto della squadra, che rincorreva tutti i difensori avversari, si sbracciava per ricevere palloni giocabili e si ritrovava sempre troppo lontano dall’area di rigore, col risultato che con il passare dei minuti diventava sempre più nervoso.
L’altro ha sprecato due o tre palle gol belle pulite, in più ha preso una traversa piena e, diciamolo, non si capisce come mai al centro dell’attacco ci fosse lui e l’altro facesse quasi il rifinitore, considerando che l’uno è Mandžukić e l’altro Higuaín.
Oh, sarà che sono legato al calcio dove i numeri andavano da 1 a 11 dove il 9 era il centravanti, cioè colui che riceveva la palla e la buttava dentro, sarà che Higuaín è costato leggermente di più rispetto a Mandžukić ma soprattutto sarà che ha una media realizzativa “leggermente” migliore di quella del croato, ma allora qualcuno può spiegarmi perché ieri sera le palle arrivavano sempre a Mandžukić e mai a Higuaín?
Perché alla fine l’argentino per tirare in porta si è dovuto creare ostinatamente una palla gol nel secondo tempo, sprecata poi puntando il settore ospiti invece di Handanovič?
Misteri della Juve.

Altro grande mistero, Dybala.
Tenuto in panchina dopo le ultime deludenti prestazioni, oggi è stato gettato nella mischia nell’ultimo quarto d’ora.
Potevano bastare per fare la differenza?
Sì.
L’ha fatta?
No.
Si è dato da fare?
Mah, molto poco, tenendo conto che era quello più fresco e davvero poteva spaccare la partita ma alla fine ha spaccato qualcosa di diverso.
Pazienza, è un periodo così, l’annata è fatta di alti e bassi e dopo un inizio al fulmicotone ora ha rallentato, aspettiamolo.

Sui mancati inserimenti di Douglas Costa e Bernardeschi previsti da Allegri (anche se poi ha detto che stava per far entrare Alex Sandro, evidentemente voleva finire in 10), si sa che Pjanić ha chiesto il cambio e anche Chiellini era in dubbio per cui nient’altro da dire.
Avrebbero potuto cambiare il volto della partita?
Può darsi di si, ma non conta, stasera chi è sceso in campo ha dimostrato di essere più forte degli altri e davvero bastava poco per portarla a casa.
È un peccato mortale gettare via due punti così, tutto il resto viene dopo.
Anche il bel gioco.
Alla prossima, passo e chiudo.

Keep the faith alive e forza Juve!

2 Comments

  1. Rik

    10 dicembre 2017 alle 15:00

    per come piace vedere a me il calcio, quando si vince giocando malino sono contento ma un pò preoccupato temendo qualche involuzione nel gioco, quando non si vince giocando molto bene sono inc..ato nero per le occasioni sprecate ma con molto ottimismo sul futuro. così vedevo appunto quella serie di pareggi del primo anno con Conte, il mio pensiero era “1) non possiamo essere sempre così precisi a mirare il portiere 10 volte a partita, prima o poi faremo anche gol 2) se questa squadra mantiene questo gioco anche in futuro, appena arriva un attaccante decente le vinciamo tutte”, considerando che con Tevez in campo abbiamo fatto i 102 punti, ci sono andato vicino riguardo al “punto 2)”.
    fatta questa premessa, lo 0-0 di ieri per me (per come l’ho vista io, per il mio modo di vedere il calcio) non rientra però in queste casistiche. e sono anche io decisamente su questo pensiero: “che rabbia, davvero 2 punti buttati”.
    concordo sul fatto che li abbiamo annientati, il mister ha preparato benissimo la partita per disinnescare proprio sul nascere le loro qualità offensive, li abbiamo davvero disarmati totalmente. concordo che se c’era una squadra che doveva vincere eravamo ovviamente noi, perchè il dominio netto è evidentissimo da tutti i tipi di statistiche.
    però non riesco a dire “abbiamo fatto tutto al meglio, sono mancati solo i dettagli”. per quanto concordo quindi sul fatto che abbiamo giocato “meglio”, non riesco a dire che abbiamo fatto una buona partita se per 90 minuti non sei in grado di servire il tuo attaccante più prolifico. credo che il nostro gioco dovrebbe essere principalmente finalizzato a quello, dare palle buone a higuain per permettergli di essere letale. non ci siamo riusciti, e non ho mai percepito l’intenzione di cambiare qualcosa per dargli qualche maledetta palla. credo non sia uno scandalo pensare che si poteva, e doveva, fare meglio in quell’aspetto.
    giudico molto buona, davvero ottima, la fase di contenimento, e la partita di quei 4/5 giocatori che dovevano principalmente pensare a difendere (difensori più matuidi). degli altri giudico ottima la prova di Cuadrado (con ottime coperture difensive..anche se mi aspettavo fossero altri a dover fare quei raddoppi e chiusure, e non l’unico “trequartista” in campo), che secondo me è stato l’unico a riuscire a fare qualcosa per mettere in difficoltà gli avversari. Khedira secondo me non pervenuto, Higuain mai coinvolto/servito, Mandzukic in giornata tremenda dal punto di vista realizzativo. Pjanic direi bene, ma io da lui mi aspetto di più. quando nell’arco di 90 non è mai pericoloso secondo me non ha fatto “abbastanza” per le potenzialità che ha. può tirare ottime punizioni, ha capacità di inserirsi e tentare ottimi tiri da fuori area, ha nelle corde assist e palle filtranti velenose, ma non ha fatto niente di tutto questo ieri sera. certo, è stato ampiamente sufficiente, ma in una giornata in cui gli attaccanti (per vari motivi) non segnano mi aspetto di più da lui.
    vista questa considerazione dei singoli, è ovvio dire che considero globalmente “sottotono” la fase offensiva di ieri sera.
    niente da dire invece riguardo a moduli e sostituzioni. la squadra in campo aveva tutte le qualità per vincere, purtroppo siamo “solo” stati superiori. che rabbia!!
    … forza Juve!

    • salvador righi

      11 dicembre 2017 alle 14:24

      Guarda, devo dire che mi trovo d’accordo con ciò che hai scritto.
      Tieni conto che il postpartita l’ho scritto a caldo (finito come sempre verso mezzanotte e mezza) e quindi non potevo avere la lucidità da “giorno dopo” (e tra l’altro se avessi scritto davvero ciò che pensavo durante la partita sarei stato censurato).
      Alla luce di come è andata la domenica si può dire che siamo ancora lì, non si è spostato niente e che ci può stare il pareggio alla terza partita tosta in 8 giorni: certo, potevamo essere primi, ma se manteniamo la calma tutto si aggiusterà, anche perché questa squadra a differenza delle altre ha ancora tanti margini di miglioramento…
      Rimane il dubbio Higuain: come mai le palle arrivassero sempre a Mandzukic e mai a lui è un gran mistero.
      Sembrava quasi che, come ho scritto nel pezzo, giocasse da rifinitore e che il centravanti fosse Mario e tutto ciò non ha senso.
      Vediamo dai, abbiamo tempo fino a Febbraio per rimettere tutti in riga, poi sotto con il Tottenham!

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato