Connect
To Top

Milan-Juve 0-2: San Siro è bianconero

La Juve che ha sbancato San Siro torna a Torino non solo con i tre punti, ma con una serie di certezze che potrebbero rivelarsi fondamentali nel proseguo di stagione.

La vittoria con una grande: il pari di Bergamo e la sconfitta interna con la Lazio, unite al cappotto di Barcellona, avevano fatto scattare l’allarme su come di fronte ad avversari superiori alla media di una Serie A obiettivamente mediocre, i nostri andassero in difficoltà. Nonostante i primi 10 minuti in cui l’iniziativa è stata concessa al Milan, i nostri hanno poi cominciato a prendere le misure agli avversari, andando a pressare alto, guadagnando così metri preziosi per poter prendere in mano il pallino del gioco. È stata quindi una vittoria convincente: squadra tornata feroce nella riconquista della palla, tecnicamente più efficace grazie a un possesso palla spezzato poche volte dagli avversari o da giocate forzate. Insomma, il famoso “giocar bene tecnicamente” sempre invocato da Allegri è sembrato più evidente nel match di San Siro rispetto ai tanti errori a cui eravamo abituati.

È tornata anche la compattezza e la capacità di soffrire, con un Rugani (alla sua miglior partita stagionale) sicuro negli anticipi e nella marcatura capace di guidare insieme a Chiellini (ottimo anche oggi) una linea difensiva finalmente stretta che non si fa imbucare in mezzo. Unica nota di demerito la traversa di Kalinic, quando però a non far bene la diagonale è Asamoah. Certamente la sorte (con cui a onor del vero eravamo un po’ in credito) ci è stata benevola, ma la volontà di andare a chiudere sulla seconda palla ci ha riportato indietro agli anni precedenti in cui per fare gol a questa squadra gli avversari dovevano davvero sudare 7 camicie, e non è un caso se la trasferta di Milano è stata la prima di questa stagione in cui non si è subito reti. Ed è stata veramente l’unica sbavatura di una prestazione in cui è tornata anche la concentrazione e la già citata ferocia agonistica. Allegri aveva messo tutti in guardia nell’immediato post Juve-Spal, sostenendo come con una gara come quella di mercoledì sera si sarebbe usciti da San Siro con le ossa rotte. E invece la squadra non ha avuto quei vistosi cali di tensione costati qualche gol e punto di troppo nei primi due mesi di questa stagione, vincendo appunto con una prestazione da “squadra”, lineare nell’arco della gara, senza alti e bassi, impreziosita ovviamente dalla doppietta di Higuaín.

L’Argentino è davvero lontano parente del giocatore di un mese fa. Al Meazza ha realizzato due gol bellissimi: il primo da centravanti puro, senza dare al suo marcatore diretto Romagnoli nemmeno la possibilità di provare un qualsivoglia intervento. Il secondo invece è da centravanti che sta bene sia di fisico che di testa: attacca lo spazio, con un movimento di corpo manda a vuoto Rodriguez e con un destro potentissimo non dà scampo a Donnarumma, facendo sponda col palo. In mezzo ai due gol ha pressato a tutto campo, e si è anche sbracciato in un paio di occasioni affinché i suoi compagni facessero lo stesso, ha aiutato la squadra e ha saputo lottare con i difensori avversari senza venir continuamente sopraffatto. Fondamentale anche il contributo di Dybala: è suo l’assist sul primo, mentre sul secondo il velo per il Pipita è semplicemente meraviglioso. Oggi la “Joya” è tornato a ricamare tra le linee, smistando sulle fasce o verticalizzando per Higuaín, prendendosi anche una discreta dose di calcioni. Tornerà sicuramente anche al gol, ma con un Pipita così possiamo attendere senza troppa disperazione.

 

 

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato