Connect
To Top

Preferisco la Storia

In questi giorni di visibilio per ogni gobbo che si rispetti, la sorte ci ha “regalato” una delle più grandi (se non la più grande) squadre al mondo, Campione d’Europa e del Mondo in carica a contenderci l’agognata Champions League a Cardiff il prossimo 3 Giugno. Ovviamente anch’io spero con tutto il cuore di riuscire a portare a casa tutte e tre le competizioni in palio da qui a venti giorni, però mi piacerebbe sottoporvi uno scenario. Mettiamo il caso che non vincessimo nulla. Avete capito bene: secondi in campionato, coppa Italia e Champions. Naturalmente, è consentito ogni sorta di gesto apotropaico. Ebbene, miei cari gobbi, avremmo vinto lo stesso. Voi mi direte: “Questo è pazzo”. E invece sono talmente felice che, paradossalmente, il cosiddetto “triplete” (brutta parola che puzza tremendamente di cartone) mi interessa relativamente.

Questa stagione sicuramente rappresenta il definitivo ritorno della Juventus nella sua dimensione naturale ovvero l’elite del calcio mondiale. Una squadra fortissima, un allenatore competente ed adeguato, una società granitica e terribilmente (per gli altri) capace sia a livello sportivo che manageriale. Ma soprattutto un ciclo di vittorie in patria a dir poco leggendario che sta letteralmente facendo impazzire mezza Italia antijuventina. Il godimento che stiamo provando in questi anni è maggiore di qualsiasi eventuale estasi sportiva.

È la vittoria del Bene sul Male, del Campo sulla Farsa e la sconfitta definitiva di tutti coloro che per dieci anni hanno provato a spacciarci una versione della realtà parallela avallata da processi sportivi fasulli e miseramente crollata in un’aula del tribunale di Napoli. Neanche la coppa dalle grandi orecchie avrebbe un sapore così dolce. Pensavano seriamente di averci distrutto mandandoci in B senza uno straccio di prova e mettendo fuori gioco un gruppo dirigente che aveva vinto “troppo” spendendo meno di tutti senza magagne di bilancio e cambi di regolamenti e codici di giustizia sportiva in corso. Questa è stata la loro unica colpa. Hanno distrutto la competitività del calcio italiano senza vergogna con l’aiuto di un giornalismo sportivo che, compatto, ha ingannato in primis i propri lettori calpestando la deontologia professionale in maniera lampante. Tutta questa gente oggi sta quotidianamente subendo la schiacciante superiorità della Juventus Pentacampione. Abbiamo già vinto a prescindere!

Abbiamo goduto, stiamo godendo e continueremo a godere indipendentemente dagli ultimi verdetti grazie ad un gruppo di campioni dentro e fuori dal campo tra i più grandi della nostra storia secolare, grazie ad un gruppo dirigente capitanato dal Presidente Agnelli che, nel 2010, ha preso in mano una Juventus con un bilancio in rosso pari a novanta milioni di euro, una rosa depauperata e palesemente inadeguata e in soli sette anni ha raddoppiato il fatturato, inaugurato un modernissimo stadio di proprietà e si prepara a costruire una cittadella juventina(tralasciando per un momento le vittorie sportive). Siamo dieci anni avanti a tutti coloro che volevano toglierci di mezzo. Capite perché la coppa più bella è già stata alzata?

Scenari a parte, ognuno di noi spera di vincere tutto ciò che c’è da vincere, ma in ogni caso dobbiamo alzarci in piedi e fare una lunga standing ovation a questa Juventus che è tornata Juventus e che ci rende orgogliosi ogni giorno di essere innamorati di lei. Grazie Juve, per me hai già vinto tutto.

Cari amici gobbi, ci conviene vivere con relativo e “filosofico distacco” ciò che succederà. Carlo Ancelotti ha intitolato la sua autobiografia “Preferisco la Coppa”. Io preferisco la Storia invece, colei che ci ha già incoronato e riportato nel Mito, l’habitat naturale della Juventus.

 

5 Comments

  1. Mattwo

    12 maggio 2017 alle 13:45

    Totalmente d’accordo. La juve ha raggiunto un livello di consapevolezza e di visibilità mondiale che di per sé rappresenta la vittoria più schiacciante che ci possa essere.
    Ogni scusa degli antijuventini sta cadendo una dopo l’altra.
    Ma non dobbiamo fermarci e ammirati, dobbiamo diventare i più forti al mondo.

  2. Rik

    12 maggio 2017 alle 13:59

    condivido .. “poter vincere tutto”, in un momento storico in cui “gli altri” (quelli là .. la seconda squadra nerazzurra lombarda) naufragano sportivamente, managerialmente ed economicamente, è di per se una soddisfazione senza pari!
    se saremo bravi potremmo andare nella storia come la prima squadra a vincere 6 anni la serie A, e fare un’accoppiata mai riuscita nella storia ultracentenaria della Juve: scudetto + champions! una gran fortuna essere juventini adesso!!
    .. volutamente parlo di “accoppiata” come massima ambizione, di ottenere un risultato che ricordi “quelli là” non mi importa niente.

  3. Marco

    12 maggio 2017 alle 15:14

    Articolo che puzza di “maniavantismo”. Se non vinceremo la Champions, la stagione rientrerà nella norma delle ultime cinque (la 2012 è stata straordinaria a prescindere): buona, ma nulla più. Nell’assurda ipotesi in cui non riuscissimo a portare a casa nemmeno lo scudetto, allora la stagione sarebbe fallimentare, e l’unica consolazione sarebbe quella di potere tornare a giocarcela con tutti già dall’anno prossimo.

    Applausi per quel che stiamo facendo, ok, ma dire che “abbiamo già vinto a prescindere” tirando in ballo i processi di 11(!) anni fa, il nostro essere davanti a tutti in ogni aspetto e confrontarlo con la pochezza altrui mi sembra una paraculata, perché se siamo davanti a tutti è proprio per vincere quei trofei a cui loro nemmeno si avvicinano, e degli altri mi frega il giusto: nulla.

    Infine, le dicotomie Bene/Male lasciamole agli interisti complottisti che ancora piangono per la punizione fatta scandalosamente ribattere a Chiellini, grazie.

  4. Fabio Cocco

    12 maggio 2017 alle 17:41

    Io non so se sei serio, sei stai trollando o stai provocando, nel dubbio rispondo seriamente.
    No, a me non basta la Storia, che siamo tornati a essere una squadra dell’elite europea già lo so, lo sappiamo tutti.
    Il discorso “andrebbe bene ugualmente, abbiamo vinto lo stesso” è totalmente inaccettabile, se “vincere è la sola cosa che conta” allora dobbiamo per forza considerare che il secondo è il primo degli sconfitti.
    Ci sono squadre che sono contente del secondo posto perchè “siamo in Champions” o festeggiano scudetti morali o virtuali tanto la “Juve dovrebbe fare una campionato a parte” o “lo sappiamo come vincono”.
    Di cosa dovrei essere felice? Di un campionato buttato con un suicidio nelle ultime tre giornate? Dell’ennesima Champions alzata da altri?
    “Ci riproviamo l’anno prossimo (tanto noi siamo nell’elite europea)”? Ma anche no, l’anno prossimo si ricomincia da ZERO, i trofei vinti sono assegnati e su quelli persi si piange.
    Proprio per certificare la nostra ritrovata grandezza è necessario vincere il trofeo più prestigioso.

    Anzi, se devo dirla tutta, l’idea di “poter vincere tutto” e magari non riuscire a farlo mi fa letteralmente andare via di testa, sono schifato (a dire poco).
    Diventeremmo di colpo l’Olanda di Cruyff: la più grande squadra del mondo a non aver vinto niente.

  5. Roberto

    14 maggio 2017 alle 20:09

    Splendida dissertazione!!!!!

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Extra

  • J3SRadio #32 – presentazione puntata

    Questa sera dalle 21:15 andrà in onda la puntata n. 32 di J3SRadio, il nostro appuntamento radiofonico settimanale. A parlare di...

    Redazione J3S15 maggio 2017
  • J3SRadio #31 – presentazione puntata

    Questa sera dalle 21:15 andrà in onda la puntata n. 31 di J3SRadio, il nostro appuntamento radiofonico settimanale. A parlare di...

    Redazione J3S8 maggio 2017