Connect
To Top

Come funziona la presentazione delle liste?

In collaborazione con Nino Ori abbiamo preparato una spiegazione sul regolamento delle liste di giocatori che ogni società è tenuta a presentare prima dell’inizio delle competizioni, focalizzandoci in particolare sulla lista UEFA, che già da diversi anni è in vigore per chi partecipa alle competizioni europee, e sulla lista per la SERIE A, introdotta nella stagione 2015/16 e che dalla prossima stagione 2016/17 andrà a regime diventando più restrittiva e molto simile a quella valida per la Champions League.
Di seguito proverò a dettagliare per iscritto i vari regolamenti e scenderò molto nello specifico per chiarire al meglio le varie casistiche.  L’argomento è piuttosto vasto e richiede un certo grado di approfondimento per essere capito appieno e per capirne le implicazioni anche a livello di mercato e di gestione del settore giovanile.
Partiamo dal regolamento per le competizioni UEFA, quindi nel caso della Juventus parliamo della Champions League:

lista uefa

Chiariamo subito il significato degli acronimi:
ATP = Association Trained Player, cioè giocatori che siano cresciuti calcisticamente nella federazione di appartenenza della società
CTP = Club Trained Player, cioè giocatori che siano cresciuti calcisticamente all’interno della società
Free ovviamente significa che questi giocatori non hanno alcuna limitazione né di età né di nazionalità né di formazione calcistica.

La slide è molto chiara, vediamo di chiarire però alcuni dettagli che possono fare la differenza. La lista può essere modificata una sola volta nel corso della stagione, e nel particolare alla fine della chiusura del mercato di gennaio, cioè prima della seconda parte della competizione, fino a un massimo di 3 nuovi inserimenti, ferme restando le regole generali.
Per i “3 anni tra i 15 e i 21” si intendono nello specifico 3 stagioni o 36 mesi di tesseramento tra l’inizio della stagione in cui si compiono i 15 anni e la fine della stagione in cui si compiono i 21 anni.
Riguardo la lista B, si intendono come UNDER 21 i giocatori che abbiano compiuto i 21 anni dopo il 1 gennaio dell’anno di inizio della competizione (per la 2015/16 era quindi il 1 gennaio 2015). Per poter essere inseriti in questa lista gli under 21 devono comunque essere già stati tesserati per la società per 2 stagioni o 24 mesi.

Per chiarire al meglio il concetto riguardante queste ultime 2 regole, il caso che fa scuola è quello di Pogba. Vediamolo nel particolare: Pogba è nato il 15/03/1993 quindi nella scorsa CL (2014/15) era stato correttamente inserito in lista B, in quanto aveva compiuto i 21 anni dopo il 1 gennaio dell’anno di inizio della competizione, in questo modo aveva lasciato un posto libero tra i giocatori FREE della lista A. In questa stagione (2015/16) invece è stato inserito in lista A proprio tra i giocatori FREE in quanto non è riuscito a completare 3 stagioni di tesseramento con la Juve entro la stagione in cui ha compiuto i 21 anni, in quanto quella stagione è stata la 2013/14, avendo compiuto 21 anni nel marzo 2014. Sarebbe bastato che fosse nato in agosto (o comunque dopo il 1 luglio quando ufficialmente inizia la nuova stagione) per completare le 3 stagioni che sarebbero servite ad utilizzarlo come CTP. Purtroppo non è stato possibile e quindi Pogba sarà sempre a tutti gli effetti un giocatore FREE.

Veniamo ora al regolamento per la SERIE A:

lista serie a

Questa stagione è stata la prima in cui è stata inserita anche in Italia la norma sulla limitazione delle rose di giocatori, quindi si è pensato di fare un passaggio più graduale inserendo la cosiddetta norma transitoria in cui non vengono conteggiati i 4 calciatori CTP ma ne vengono considerati ben 8 come ATP, in modo che la regola sia meno rigida e più facile da rispettare anche per chi la affronta per la prima volta.

Dalla prossima stagione invece (2016/17), la norma diventerà più rigida e in gran parte simile a quella UEFA, passando quindi a regime e con minime differenze rispetto alla norma europea. Queste differenze sono le seguenti:

  • per gli UNDER 21 non c’è alcun obbligo di aver già 2 stagioni di tesseramento nella società, quindi anche un ipotetico nuovo acquisto, se nato dopo il 1 gennaio 1995, potrà essere inserito nel prossimo agosto 2016 nella lista degli under 21 senza nessuna limitazione particolare;
  • è stata inserita la possibilità di 2 “jolly”, cioè cambiare 2 giocatori a scelta nel corso della stagione.

Vediamo ora la fotografia delle liste presentate dalla Juventus in questa stagione a livello di Champions League e di Serie A:

lista 2015-16

La lista UEFA è stata modificata, come da regolamento, dopo la sessione invernale del mercato: la Juventus ha infatti inserito Asamoah (che mancava nella lista presentata a settembre 2015) dovendo però togliere Lemina, che a febbraio era infortunato e non erano ancora ben chiari i tempi di recupero. Rispetto alla lista per la serie A, notiamo anche che mancano sia Padoin che Rubinho. Inoltre l’altra differenza che balza all’occhio è che per la CL tra gli under 21 (lista B) ci sono solo alcuni dei più promettenti “primavera”, cioè quelli che hanno già giocato nella Juve per almeno 2 anni, tra cui Audero che è stato inserito quindi come 3° portiere. Al contrario per la serie A qualsiasi under 21 poteva essere utilizzato senza alcuna limitazione.

Anche in questo caso per chiarire meglio la differenza tra la norma europea e quella italiana possiamo esemplificare il tutto basandoci su 2 tra i nostri giovani più promettenti: Romagna e Lirola.

  • Romagna è nato il 26/5/1997, sta quindi per compiere 19 anni ed ha fatto tutta la trafila nelle giovanili della Juventus: è quindi inseribile senza problemi nella lista B sia della coppa che del campionato e lo sarà fino alla stagione 2018/19 (sempre che sia ancora alla Juve), in quanto compirà i 21 anni dopo il 1 gennaio 2018. A partire dalla stagione successiva (2019/20) potrà entrare in lista A come CTP, e questo anche nel caso che da qui ad allora giochi una o più stagioni in prestito o comunque tesserato presso altre società diverse dalla nostra.
  •  Lirola non ha fatto tutta la trafila delle giovanili da noi, è arrivato nel gennaio 2015, prima in prestito poi a titolo definitivo, venendo riscattato nel giugno del 2015, quindi ha fatto 18 mesi di tesseramento alla Juve. Per poter completare i 36 mesi di tesseramento ai fini di poter essere poi considerato un CTP è necessario che ne faccia come minimo altri 18 prima della stagione in cui compirà i 21 anni e qui, a differenza di Pogba, la data di nascita gioca a suo favore. Lirola è infatti nato il 13/8/97, è quindi quasi coetaneo di Romagna, anche lui sta per compiere 19 anni, però questi 3 mesi di differenza con Romagna sembrano nulla ma possono essere decisivi, come abbiamo visto nel caso Pogba. La regola UEFA dei CTP recita infatti che “si intendono 3 stagioni o 36 mesi di tesseramento tra l’inizio della stagione in cui si compiono i 15 anni e la fine della stagione in cui si compiono i 21 anni”. Lirola compirà i 21 anni ad agosto 2018 cioè nella stagione 2018/19, in quanto le stagioni iniziano ufficialmente il 1 luglio e terminano il 30 giugno successivo; il ragazzo ha ancora 3 stagioni davanti per completare i 36 mesi di tesseramento per la Juve, quindi è necessario che faccia da noi 18 dei prossimi 36 mesi per poter poi essere considerato a tutti gli effetti un CTP. Ciò ovviamente è un dato importante da tener presente per valutare se cederlo o meno in prestito a fare esperienza in quanto, a differenza di Romagna, se fosse ceduto in prestito per troppo tempo, rischierebbe di non completare i 36 mesi di tesseramento necessari a diventare CTP.

Come scritto nell’introduzione, l’argomento è complesso e solo se viene capito in tutte le sue implicazioni permette di farsi un’idea di quante variabili vanno tenute presenti dalla dirigenza quando c’è da formare una rosa e quando c’è da pensare a come far maturare al meglio i giovani promettenti. Sull’argomento giovani e sul loro tesseramento futuribile come CTP si aprirebbe un altro tema molto ampio e interessante, quello che riguarda le cosiddette SQUADRE B, di cui Marotta e Agnelli parlano spesso anche in sede istituzionale: forse dopo aver letto la complessità del quadro regolamentare su Romagna e Lirola è più facile capire perché la dirigenza da tempo si batta per poter tenere tesserati i giovani migliori presso la nostra società, piuttosto che disperderli in giro per società satelliti in campionati minori o esteri.

Torniamo però al momento attuale e valutiamo le problematiche della nostra rosa di questa stagione e, in prospettiva, di quella che potremo presentare da settembre, così da poter ragionare anche su come possa essere gestito il tutto in sede di calcio-mercato. Credo che siamo tutti consapevoli che l’esperienza in CL di questa stagione è stata determinata da uno snodo cruciale, quello di Siviglia. In quella serata ci presentammo con una rosa davvero ridotta ai minimi termini, non solo per gli infortuni ma anche per le limitazioni dovute alla lista UEFA che abbiamo esaminato precedentemente.

Questi i convocati per quella partita:

convocati siviglia

Si vede chiaramente che, su 19 convocati, ben 4 erano primavera, 2 erano portieri, e solo 13 erano giocatori di movimento, quindi Allegri in quella partita si trovò non solo a dover schierare una formazione di emergenza, ma anche a non poter effettuare i 3 cambi che solitamente lui sfrutta a piene mani per cambiare in corsa la squadra e a volte anche il modulo di gioco.

Considerando che le dichiarazioni della società e dello stesso Allegri fanno pensare che l’anno prossimo la Champions League sarà l’obiettivo primario della stagione, credo che una situazione come Siviglia (e a Monaco a marzo non eravamo messi molto meglio…) sia da evitare a tutti i costi, sia riducendo il numero esorbitante di infortuni di quest’anno, sia soprattutto puntando a formare una rosa di qualità più che di quantità, e che sia quindi utilizzabile in toto (o quasi) prima di tutto in Europa, evitando il più possibile di avere giocatori che quando la squadra parte per le trasferte di CL siano costretti a restare a Vinovo.

Se c’è infatti da muovere un appunto alla nostra dirigenza per questi anni è quello di non essere ancora riuscita, dal 2010 ad oggi, a far uscire un solo giocatore dal settore giovanile che sia all’altezza della Juve e che possa essere utilizzato come CTP: ad oggi il solo Marchisio è inseribile come tale. Purtroppo la sua assenza nei primi mesi della prossima stagione non sarà quindi rimpiazzabile a livello di lista, se non dal solo Marrone, l’unico che possa sostituirlo sia come ruolo sia a livello regolamentare in quanto cresciuto nel vivaio bianconero. Purtroppo anche il buon Luca non è certo un giocatore che fisicamente dia garanzie particolari, visti gli infortuni degli ultimi anni, ma ha dalla sua il vantaggio di poter entrare a pieno titolo nella rosa come CTP.

Per chiudere suggerirei quindi di dubitare molto di tutte quelle voci di mercato che vedono chissà quali entrate di giocatori più o meno conosciuti, in particolare a sostituire Marchisio o a rafforzare il settore del centrocampo. Purtroppo il principino non è rimpiazzabile come CTP (se non appunto da Marrone) e in ogni caso quel reparto è quello che più di tutti ha sofferto di infortuni a catena, quindi credo che prima di tutto la dirigenza dovrà pensare di trovare proprio lì l’uscita di almeno 2 esuberi che non saranno sostituiti, nel caso ciò dovesse accadere probabilmente la lettura di questo pezzo ve ne avrà chiarito i motivi e saremo tutti più propensi a evitare i classici “Marotta dimettiti” tipici del 31 agosto di tutti gli anni.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Extra

  • Bilancio Juventus 2018/19: road to fallimento?

    Ultimamente non scrivo volentieri di Juventus. Ormai non c’è nessuna voglia di comprendere le posizioni dell’altra parte, non si fa il...

    Ossimoroju29ro21 Settembre 2019
  • Calciomercato Juventus 2019/20

    7 agosto 2019 – Juventus comunica di aver perfezionato lo scambio Cancelo – Danilo con il Manchester City. Agli inglesi vanno...

    Ossimoroju29ro9 Agosto 2019