Connect
To Top

Sarri seems to be the hardest word

Mi spiace, ma davvero non ho capito granché di come funzioni la Juventus. A 62 anni (54 dei quali come tifoso) è triste doverlo ammettere, ma è così. Da anni c’erano dei segnali ben precisi in una determinata direzione, stavolta si è deciso di andare in quella diametralmente opposta. Si è scelto di tornare a 29 anni fa.
L’unica volta che la Juve aveva fatto una scelta pensando al bel gioco fu proprio 29 anni fa, e non mi pare sia andata benissimo. L’Avvocato decise di cercare di scimmiottare il modello berlusconiano per correre dietro al Milan di Sacchi. Mandò via il presidente Boniperti e l’allenatore Zoff (che aveva vinto una coppa Uefa e una coppa Italia con una rosa imbarazzante), per affidare la Juve a Montezemolo e, in panchina, a Maifredi. Risultato: a febbraio Boniperti fu richiamato in fretta e furia, non ci qualificammo nemmeno per le coppe e Maifredi venne cacciato a fine stagione, richiamando addirittura il Trap…

Da vecchio tifoso innamorato ma incazzoso, ho sempre osservato (pur non essendo un giornalista) ciò che accade nel mondo bianconero e credevo di sapere di Juve. So anche fare i conti, e chi sa fare i conti sa che il prodotto Juve va reso ancora più appetibile e non ridimensionato (nemmeno nei nomi, perché contano anche quelli), date le ambizioni in campo e fuori dal campo. Stavolta ci ho capito poco o nulla.
La Juventus ha ampiamente dimostrato in questi anni di sapere quello che fa o non fa, e perché lo fa o non lo fa. Nello specifico, sappiamo bene che, prima di lasciar andare un vincente come Allegri (tra l’altro, perfetto dal punto di vista della comunicazione), occorre avere la certezza che al suo posto arrivi non chiunque, ma qualcuno che abbia come minimo il suo stesso appeal. Avevo detto in diverse occasioni che, se la Juventus avesse scelto in funzione degli aspetti tecnici (in sostanza, della presunta qualità del gioco, del bel gioco) ne sarei rimasto davvero molto deluso. Bene, è andata proprio così: Sarri sarà il nostro allenatore e (obtorto collo) tiferemo per lui. Come abbiamo fatto per Allegri e prima per Conte. E anche per quelli scarsi. Esattamente come per la maglia: quella attuale non c’entra nulla con la Juve ed è decisamente brutta, ma la tifiamo lo stesso. Perché tifiamo per la Juve e non per i nomi dei giocatori o degli allenatori o per i simboli.

Qualcuno dice che è la Juventus a far grandi gli allenatori e non viceversa, e cita i nomi di Conte, Lippi, Trapattoni, Picchi…
Nel ’70 l’arrivo di Picchi (e Vycpalek) fa seguito a un triennio di mediocrità, con perfino un esonero in corsa (Carniglia), e avviene comunque in conseguenza di un periodo deludente, con un solo scudetto conquistato in 9 anni. Nel ’76 Trapattoni arriva dopo che la fortissima Juve di Parola ha buttato via un campionato già vinto, regalandolo al Toro, cosa non graditissima nella capitale sabauda. Nel ’94 Lippi arriva dopo 9 anni senza scudetti, anni al limite del ridicolo (pur avendo in squadra Baggio e Vialli), parzialmente salvati solo da Zoff e dal ritorno di Trapattoni. Nel 2011 Conte arriva alla Juve alla fine del primo anno di Agnelli, dopo gli anni bui del dopo-calciopoli e gli ormai famosi settimi posti.
Ho sempre pensato, e la storia della Juventus lo dimostra, che si possano e si debbano fare esperimenti e/o scommesse quando si è in un periodo interlocutorio, in sostanza quando non si rischia nulla, quando non si ha nulla da perdere. Non certo nel momento migliore della propria storia.

Il nuovo allenatore ora arriva dopo un filotto di scudetti senza eguali nella storia del calcio, dopo 16 trofei vinti in 8 anni, con in squadra il giocatore più importante al mondo (purtroppo a fine carriera), in una società che ha quasi quadruplicato i suoi fatturati in 7-8 anni, e che ha effettuato investimenti strutturali importanti, con l’obiettivo di primeggiare a lungo in Italia e di restare al vertice in Europa e nel mondo. Una roba del genere non va affidata né a un giovane di belle speranze né a qualcuno non abituato a ragionare da vincente.
Inoltre, l’allenatore della Juve (date le pressioni interne e esterne alle quali viene sottoposto) non può proprio essere uno qualsiasi. Ci vogliono le spalle grosse per reggere le pressioni, e occorre una qualità di atteggiamenti e comportamenti, in campo e fuori, che non tutti possono garantire. Ma questo alla Juventus dovrebbero saperlo benissimo. E poi, la considerazione di base: mica vorremo pensare che chi ha sempre vinto negli ultimi 8 anni e ha tesserato CR7 si accontenti di un allenatore qualsiasi, o che addirittura non abbia già fatto le sue scelte per tempo? A quanto pare, invece, è andata davvero così.

Non ho mai pensato che Sarri non sia un buon allenatore. Ma non mi sembra abbia nulla di ciò che ci serve oggi e per il futuro. Semplicemente, trovo che non c’entri nulla con la Juve… o almeno, con quello che credevo fosse, o volesse diventare, la Juventus. Per me, è certamente un buon allenatore, ma non credo che ci servisse un buon allenatore: ce l’avevamo, ed era pure un vincente. Precisando che l’allenatore conta al massimo per il 20-30% del risultato.
Parlando del passato, ho sempre trovato Sarri, quando era nostro avversario, poco efficace nella gestione della squadra anche dal punto di vista motivazionale. Oltre che odioso negli atteggiamenti e nei comportamenti. La costruzione degli alibi (spesso anche preventivi) per i giocatori e la squadra: i posticipi e gli anticipi, gli arbitri e i rigori, le coppe e il calendario, il fatturato e il palazzo, i palloni invernali e il terreno umido, gli orari e la penombra, le feste di Natale e gli scudetti persi in hotel, etc. Tutta roba da dimenticare, roba che ora è necessario dimenticare. Sinceramente, vorrei riuscire a superare anche i discorsi sui suoi modi. Lo stile, gli atteggiamenti poco eleganti in conferenza stampa, la tuta, il dito medio rivolto ai tifosi bianconeri, gli insulti a colleghi e giornaliste, le insinuazioni sul potere juventino e via dicendo… Ce la farò, forse.

A gennaio 2017 la Juventus ha presentato non un nuovo logo, ma una nuova epoca. Un’azienda, non più solo una squadra di calcio ma un brand che vuole primeggiare a livello mondiale, in campo e fuori dal campo. Che vuole ottenere un aumento importante anche del fatturato derivante dal marketing (partner, sponsor, merchandising) e attività diversificate. Progetti ambiziosi, da leader: ci si struttura per conquistare il mondo.
Quindi la Continassa, con la nuova sede, il JHotel, il JVillage, etc. La nascita della JWomen. Poco più di un anno fa, la divisa a banda larga. La creazione della Under23. Poi il clou: quasi un anno fa, l’arrivo di Cristiano Ronaldo. Qualche mese fa, le nuove maglie senza strisce. Tutte scelte importanti, a volte anche impopolari e discutibili, ma con una precisa logica per il brand: crescita internazionale, mercati da conquistare.
E ora… si sceglie di affidare tutto questo a un non vincente. Con quale obiettivo, quello del bel gioco? Inspiegabile. Per me e per la mia idea (evidentemente sbagliata) di Juve, inaccettabile.

Un breve riepilogo dei risultati ottenuti in campionato dalle squadre di Sarri negli ultimi 5 anni (prima allenava in serie minori):
– 14/15: 15° in A con l’Empoli;
– 15/16: 2° in A con il Napoli;
– 16/17: 3° in A con il Napoli;
– 17/18: 2° in A con il Napoli;
– 18/19: 3° in PL con il Chelsea.
Ma Sarri ha vinto la EL con il Chelsea. Certo ma, per vincerla, bisogna giocarla. L’Europa League non è la vecchia coppa Uefa, non c’entra nulla. In coppa Uefa andava chi era arrivato 2° o 3° nell’anno precedente: squadre incazzate che si erano rinforzate per provare a vincere il campionato successivo. Ecco, la finale di CL di quest’anno tra Liverpool e Tottenham (squadre che non avevano vinto il campionato) sarebbe stata una buona finale da coppa Uefa.
La CL di oggi è la somma tra coppa Campioni e coppa Uefa. La EL è la somma tra coppa Coppe e Intertoto: insomma, robetta. La attuale Europa League è la serie B della Champions League. Vale più o meno un quarto di finale di CL. Peraltro, per giocare la EL bisogna: o arrivare dal 5° posto in giù in campionato, o farsi buttar fuori ai gironi in CL. Trovo assai poco motivanti entrambe le ipotesi. Personalmente, preferisco non vincerla mai.

In realtà, non voglio criticare né la persona né l’allenatore: non ne ho il diritto e nemmeno le competenze. Ora bisognerebbe sperare nel mercato. Ma del mercato mi importa meno di zero. La Juve non ha mai fatto mercato in funzione dell’allenatore: alla Juve ognuno fa il suo mestiere.
Piuttosto, trovo che la gestione di questa vicenda da parte della Juventus sia stata discutibile. Hanno deciso di lasciar andare l’allenatore che avevano in casa, senza avere già l’alternativa in mano. Facendo poi una scelta in antitesi rispetto agli obiettivi dichiarati. Vuoi conquistare il mondo e ci metti un mese a prendere Sarri? Ammesso (e non concesso) che fosse quello l’obiettivo, avrebbero dovuto chiudere l’affare in mezza giornata: la clausola era ridicola per i mezzi della Juventus e non ci sarebbe stato motivo per tergiversare. In occasione dell’addio di Conte, 5 anni fa agirono in 12 ore. E agirono per il meglio, prendendo uno che era già un vincente. Stavolta, dopo aver cacciato il vincente, ci hanno messo un mese… per prendere un non vincente.

Inoltre, la contemporanea assenza di allenatori per under23 e Primavera faceva pensare a un progetto più complessivo… che portava evidentemente verso altri nomi. Le attese? Si dice che, fino a un paio di mesi prima, il nostro allenatore designato per il 2019/20 fosse Zidane. Una volta perso Zizou, grazie ai fenomeni del Real, che si erano fatti asfaltare in casa dagli olandesini, inducendo Florentino Perez a coprirlo di soldi purché tornasse… i nomi significativi per la Juve (per i criteri indicati prima) erano non più di 4 o 5, nell’ordine: Guardiola, Klopp, Deschamps, Mourinho, al limite Ancelotti.
Può essere che non ce l’abbiano fatta a raggiungere il vero obiettivo (tanto, non ce lo diranno mai). Ne conseguirebbe che non sono riusciti a essere all’altezza delle aspettative. Le loro stesse aspettative, eh… prima ancora delle nostre. Per me significa semplicemente che, come detto inizialmente, la mia idea di cosa sia (o di cosa voglia diventare) la Juve non corrisponde alla realtà. Sono semplicemente incazzato a morte, ma soprattutto con me stesso. Per aver probabilmente sovrastimato le capacità dei nostri dirigenti, per averli forse idealizzati. Colpa mia, devo prenderne atto e limitarmi a tifare. Lo farò.

Qualcuno ipotizza che il bilancio non consentisse alla Juventus di ingaggiare un allenatore come Guardiola. Al di là del fatto che il bilancio di quest’anno si chiuderà in passivo, ma con oltre 600 mln di fatturato, forse vale la pena di esaminare alcuni aspetti.
Nei mesi scorsi è stato definito (in anticipo sui tempi previsti) un nuovo contratto con Adidas, sponsor tecnico, da 51 mln/anno; è stata inoltre completata, e sottoscritta da investitori qualificati, l’emissione di un bond da 175 mln (anziché 150), al tasso del 3,375% (anziché 3,5%).
In linea teorica, ci si potrebbero aspettare altri due eventi, nei quali è previsto l’intervento del gruppo Exor. La ridefinizione del contratto con Jeep, main sponsor, a cifre in linea con il mercato attuale; un eventuale (e, a parer mio, auspicabile) aumento di capitale, ricordando che ca. il 64% dello stesso è di Exor.
Le condizioni sono (sarebbero) ideali. Il momento sarebbe perfetto, con il titolo inserito nell’indice di borsa, la società sana con la giusta solidità patrimoniale, una proprietà stabile (96 anni), il prestigio internazionale in aumento, gli investitori pronti (molti sono rimasti fuori dall’emissione del bond), le strategie chiare (o almeno, così sembrava), 8 scudetti consecutivi, CR7 in rosa, una ragionevole aspettativa di vittorie internazionali, la crescita esponenziale nei nuovi mercati, etc.

Boniperti dice: “Vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta“. Ed è il nostro motto.
Sarri dice: “Il concetto di vittoria a ogni costo annebbia le menti, non si può essere scontenti di un secondo posto“. Ed è la sua storia, finora.
Buon lavoro e in bocca al lupo, mister. L’eredità è davvero pesante e complicata.

5 Comments

  1. Toto

    19 Giugno 2019 alle 12:45

    In parte condivido. Se vuoi intraprendere un’esperienza con un nuovo allenatore, perchè ti liberi di quello attuale, vincente, senza avere in mano quello nuovo? Se Sarri era l’obiettivo, perchè tanto tempo? Sicuramente la gestione del cambio è criticabile e, secondo me, non avevano le idee chiare, contrariamente a quanto dichiarato da Paratici.
    Poi si entra nel merito. Sarri. Non ha mai vinto. Solo quest’anno l’EL. Io voglio essere un po’ più ottimista. Intanto non cadrei nell’equivoco che “bel gioco” vuol dire “perdere”. Il nostro neoassunto non aveva mai vinto si, ma non aveva mai avuto una rosa del livello della Juve e, io penso, se in quei meccanismi di squadra che lui sa fare (e ci riesce, non possiamo negarlo) inserisci elementi di grado superiore, i risultati dovrebbero essere ottimi (dovrebbero, non è automatico).
    E’ rozzo, omofobo, lamentoso, …. Io credo che dipenda dall’ambiente in cui ti immergi. A Napoli tutti si lamentano (il loro presidente è il massimo), anche il buon Ancelotti è un lamenter ormai. S. si adatterà all’ambiente della Juve.
    Insomma, cerco di vedere meno buio, cercando di ingoiare il rospo

  2. Marco Adorno

    20 Giugno 2019 alle 00:33

    Condivido in parte tutto quanto. Non sono d’accordo su una cosa. paragonare Sarri a Maifredi. Una cosa fuori luogo. 2 contesti diversissimi. Maifredi si era stato preso per il suo gioco spettacolare, ma era per livellarsi al Milan di Sacchi che aveva innovato il calcio italiano con il suo gioco a zona. Mentre Sarri è stato preso per la sua filosofia offensiva. Con lui gli attaccanti si esaltano. Vedi Mertens, Higuain, e Insigne nel Napoli. O lo stesso Giroud nel Chelsea. Ecco, secondo me la tua disamina su di lui è leggermente errata.

  3. Matteo

    20 Giugno 2019 alle 22:36

    Credo sia la prima volta che non mi trovo d’accordo con lei.
    Proprio per quello che lei descrive nella parte finale del suo articolo, il brand Juve deve fare un salto sportivo, quello di essere ammirata anche oltre il vero merito come lo sono il Barcellona ed il Real.
    E ciò può essere fatto solo cambiando filosofia di gioco: non più vincere subendo un goal in meno, ma vincere facendo un goal in più degli avversari.
    È da quando è arrivato Ronaldo che è stata intrapresa questa strada, che Allegri non è stato in grado di percorrere. Allegri ha vinto lo stesso ed io ne sono felice: io sono uno dei pochi che ha detto quando è arrivato Allegri la stessa cosa che dico oggi che è arrivato Sarri: è il miglior allenatore ad oggi disponibile. Caro Onori, chi crede sarà il prox allenatore della Juve tra 2, max 3 anni? Guardiola o Klopp, gli unici in grado di seguire la strada intrapresa con l’acquisto di Ronaldo.
    Ho grande stima di lei, Onori, e spero questa volta di avere più Vision di lei e che lei si sbagli.
    Attendo i suoi bellissimi articoli di aggiornamento sulla potenza di fuoco durante il calciomercato. Credo venderanno entro giugno un giocatore per mettere a posto il bilancio e poi faranno 2 acquisti importanti in luglio.
    Cordiali saluti

    • Nino Ori

      21 Giugno 2019 alle 09:55

      Intanto, grazie per la stima, anche da parte del sig. Onori. Non so di chi tratti: di certo, non sono io, dato che i miei nome e cognome sono riportati in ognuno dei pezzi che ho scritto, qui e altrove.
      Detto ciò, mi pare che alcuni si siano soffermati sul Sarri-sì o Sarri-no, oppure sul Sarri vs. Allegri. Mi dispiace, perché non era quello il punto, né il senso dell’articolo.
      Per completezza di informazione, e magari chiarire meglio quali fossero gli obiettivi del pezzo, aggiungo solo una cosa.
      Quando qualcuno fa delle azioni in direzione opposta rispetto agli obiettivi dichiarati, o sono sbagliate quelle azioni o erano sbagliati gli obiettivi… oppure, quel qualcuno è meno capace di quanto si credesse.
      Chiudo dicendo che anch’io mi auguro che la vision giusta sia la sua.
      Grazie ancora, Matteo.

      • Matteo

        28 Giugno 2019 alle 23:32

        La potenza del T9 e la mia sbadataggine,caro Nino Ori, mi scusi.
        Attendo il suo primo articolo … SPINAZZOLA è stato ceduto.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'editoriale di Nino Ori

  • Dai Paesi bassi al paese delle bassezze

    Di solito, le pause per le nazionali sono noiose. 15 giorni di inutili chiacchiere di calciomercato (che comincerà tra 3 mesi,...

    Nino Ori21 Marzo 2019
  • Grazie di tutto, Gonzalo

    Sì, grazie davvero, Gonzalo. A me mancherai molto, ma ormai sappiamo che funziona così. Buona fortuna! Il 10 luglio.  Nel momento...

    Nino Ori2 Agosto 2018