Connect
To Top

Il meraviglioso mondo di Gasp

Alle volte si verificano degli strani casi in cui gli allenatori o i giocatori della squadra avversaria vedono cose parecchio diverse dalla realtà, forse vivono in un loro meraviglioso mondo, dove tutto va un po’ meglio. Allenatori le cui squadre giocano in 11 dietro la palla, zero tiri in porta e che affermano sarebbe stato giusto il pareggio. Sonore ed assolutamente ingiuste sconfitte, in cui tutto è cambiato per quel calcio d’angolo non assegnato al 5° della ripresa. Alle volte restiamo un po’ stupiti nello scoprire di essere stati in difficoltà per gran parte della partita, durante la quale Buffon è riuscito finalmente a superare quel livello di Candy Crush che lo tormentava dal girone di andata…

Oggi vi faccio conoscere il meraviglioso mondo di Gasp.

Conferenza stampa post-partita, trascrizione quasi letterale:

Un equilibrato -ed ahimè sconosciuto a noi- giornalista sportivo chiede:

due domande:
la prima. per 36 minuti avete tenuto il pallino del gioco, giocando bene, ricalcando forse la partita di Firenze […] difficoltà forse nel finalizzare. Questo sarebbe un punto un po’ da focalizzare. Per il secondo tempo c’è forse un po’ meno da dire, anche se il Genoa ci ha provato fino in fondo come poteva, la burletta del calcio di rigore che sembrava il regalo del servo sciocco al padrone Agnelli, ha fatto un po’ ridere…

Gasperini risponde:

Mah, credo che noi abbiamo fatto comunque un ottimo primo tempo poi è chiaro che in questo tipo di fare devi sbagliare molto poco. noi abbiamo un errore grossolano… ne abbiamo fatti un paio nell’arco della partita da cui sono nate le loro occasioni migliori.
Quando sbagli contro queste squadre rischi di andare sotto. devo dire che io sono molto soddisfatto di quello che abbiamo fatto durante il primo tempo. Sono anche convinto che pure in 11 contro 10 avremmo potuto rendere la partita più bella e più piacevole. Il rigore ha messo la parola fine.

L’equilibrato di incalza:

Come giudichi il rigore?

Di nuovo Gasperini:

Il rigore per me non esiste, poi dopo che si voglia andare a vedere la punta non la punta la palla torna verso la metà campo cioè questi sono tutti burlette marchingegni ma non tanto -voglio dire l’arbitro- ma anche di chi cerca di difendere questo tipo di rigori. Io credo che il Genoa non abbia mai avuto un rigore simile, almeno in otto/nove anni che io alleno il Genoa… quindi… poi… a volte succede che ci siano dei rigori… inesistenti… questo è un rigore inesistente… chi lo considera diversamente non credo che dia un buon servizio.
E’ chiaro che quello ha chiuso la partita. La partita era già difficile 11 contro 10 in svantaggio e la partita è diventata poi brutta da quella che era una bellissima partita.

vq4daZ

Un altro illuminato chiede:

visto che c’è questa carenza di attaccanti in assenza di Pavoletti, pensi di chiedere qualcosa alla società?

E qui il capolavoro:

Guarda loro con tre attaccanti in campo stavano tirando molto meno di noi ed erano molto meno pericolosi di noi… quindi non era facile tirare in porta alla Juventus, non era facile tirare in porta a noi perchè anche Lamanna non è che sia stato… poi c’è stato il gol che ci può stare… l’episodio vero che ha cambiato è stata l’espulsione e poi il rigore.

IMG_20150921_234512

Segue discussione sulle differenze sui cartellini dati al Genoa e non alla Juventus, e varie ed eventuali che per stavolta vi risparmio.

Saluti dal meraviglioso mondo.

 

 

grazie a @MVPine24 per la gif del rigore inesistente.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Jronic

  • Cronache dalla Galassia

    Era un giorno dell’anno 3016 e il presidente della Juventus Andreino convinse il cugino Giannetto a mettere mano ai cordoni della...

    Alberto Fantoni8 Aprile 2018
  • Incubo di una notte di mezza estate

    Questo è probabilmente il momento più difficile degli ultimi sette anni per scrivere di Juve. Cardiff, caso Dani Alves, querelle Bonucci...

    Redazione J3S25 Luglio 2017