Connect
To Top

Juve-Chievo: ricomincia da 3

Dopo la sosta per la nazionale comincia il  campionato della Juve scudettata per la quarta volta consecutiva, con tanto di stellina d’argento per la decima Coppa Italia ed una Supercoppa, strappata alla Lazio all’altro capo del mondo.

Parte dunque il girone di andata dei vice-campioni d’Europa: comincia, anzi ricomincia dalla terza di campionato, lasciandosi alle spalle le altre due, quelle che nessun bianconero vorrebbe ricordare.

Ricomincia da 3 dunque: terza di campionato, con quei 3 davanti  schierati in quel 4-3-1-2 che tanto dice di mister Allegri; 3 come quei nuovi che probabilmente scenderanno in campo: Hernanes, Alex Sandro e Dybala. O forse sempre 3 davanti, ma con Pereyra al posto del brasiliano.

Finalmente con il 3…quartista tanto ambito da Allegri, in una sfida tutta sudamericana, tra un argentino, che ci ha regalato il mercato 2014, ed il “nuovo” brasiliano Hernanes, fresco di passaggio dai nemici storici,  alla sua terza esperienza italiana,  pronto a scrivere la storia con noi, con i nostri colori, che fanno sbiadire tutti gli altri.

Classe pura, grande professionista (perché “alla juve non siamo soldatini, ma…” Cit.), il Profeta è già pronto a buttarsi nella mischia ed a dare il suo contributo, come sottolineato dal mister in conferenza stampa.

A centrocampo torna finalmente Marchisio, a cui sarà affidata la regia, con Pogba e Sturaro; l’erede del Maestro ha già dimostrato di essere all’altezza del ruolo, la vera assenza “pesante” fino ad oggi, per classe, ma anche per carisma e juventinità. A fianco del principino un Pogba fino ad oggi nervoso, irritato e qualche volta irritante, caricato oltre misura dalla maglia numero 10. Il mister ha parlato anche di lui in conferenza stampa ribadendo che “ha bisogno di tranquillità, di giocare con la spensieratezza dei suoi 22 anni” perché di classe ne ha eccome, chiedere al Napoli per conferma!

Nella difesa a 4 un altro esordio, quello di Alex Sandro, al posto dello squalificato Evra, un altro regalo di fine mercato, quando ormai tutto sembrava portarci altrove.

Il Chievo invece schiera il 4-4-2 e giocherà “forte della leggerezza di chi non ha nulla da perdere”. I veneti sono una squadra ben organizzata,  come dimostrano i 4 gol e gli assist spettacolari nella partita con la Lazio. Due partite e sei punti, un inizio di campionato davvero ottimo per la squadra di Maran che da quest’anno può contare su un grande calciatore, ma soprattutto su un uomo che da solo è in grado di fare spogliatoio, uno che merita  un’ovazione enorme dello Juventus Stadium al suo ritorno, seppure da avversario, nella sua casa, Simone Pepe.

L’imperativo però è vincere, al di là dell’avversario, del gioco, vincere alla terza per portare finalmente i primi 3 punti della stagione, per riempire la casella 0, e lasciare il fondo della classifica.

3 punti dunque, il campionato della Juve parte dalla terza giornata, con i 3 trofei conquistati  lo scorso anno; lo zero resterà solo alla voce tifosi, che nonostante la cavalcata in Champions, nonostante la decima, il quarto scudetto, la settima SuperCoppa, non hanno risparmiato critiche alla società e al mercato, che fino agli ultimi giorni ha regalato colpi straordinari, non un solo campione… addirittura 3!

#finoallafine… ed anche oltre!

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Campionato

  • È davvero solo colpa di Allegri?

    Eccoci qui, al terzo anno consecutivo, a cercare di capire dove arrivino le colpe e i meriti della squadra e dove...

    Francesco Di Castri20 Settembre 2021
  • Juventus-Fiorentina, un commiato

    Il campionato di Serie A 2020/21 perde oggi ogni barlume di credibilità e, come scritto a ottobre, smetto di occuparmi di...

    Giuseppe Simone22 Dicembre 2020